|
napoli 2
25 settembre 2020, Aggiornato alle 17,23
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Msc Grandiosa torna a Genova, le impressioni dei passeggeri

Si chiude con successo la prima crociera italiana post lockdown. Intervistati, gli ospiti hanno sottolineato la sensazione di sicurezza e tranquillità che si respira a bordo, oltre al fastidio della mascherina e alla necessità del distanziamento sociale

Ospiti ed equipaggio a bordo di Msc Grandiosa

Termina con successo la prima crociera in Italia dopo il lockdown. Msc Grandiosa, partita dal porto di Genova domenica scorsa, è ritornata nello scalo ligure dopo aver toccato Civitavecchia, Napoli, Palermo e La Valletta, quest'ultimo unico scalo estero. La nave ricomincerà lo stesso itinerario stasera, ripartendo per il porto della Capitale con nuovi passeggeri.

I passeggeri intervistati a bordo hanno parlato di una situazione di generale tranquillità. La visita medica prima dell'imbarco, incluso un tampone a immunofluorescenza, dà una certa sicurezza. Essendo piena al 70 per cento, la nave offre più spazio e l'equipaggio, tramite la politesse di steward e hostess, garantisce il rispetto delle distanze, delle norme igieniche e l'uso della mascherina - l'elemento più fastidioso e limitante - senza generare particolari ansie.

Oltre a Msc Grandiosa, Msc Crociere ha schierato una seconda nave, nell'Adriatico, Msc Magnifica, con home port Trieste e itinerario greco. L'altra principale compagnia che svolge crociere in Italia, Costa Crociere, partirà a settembre, anche lei con due navi ma con un itinerario per soli passeggeri italiani (Msc Crociere è aperta alle nazionalità dell'area Schengen)

«Abbiamo registrato un notevole livello di soddisfazione da parte dei nostri ospiti, che hanno mostrato di apprezzare le tradizionali attività di bordo e, in particolare, le misure previste dal rigoroso protocollo di salute e sicurezza adottato dalla compagnia», afferma Leonardo Massa, managing director Italia di Msc Crociere. «L'osservanza scrupolosa delle misure previste dal protocollo – continua - ha permesso ai crocieristi, consapevoli di trovarsi in un luogo sicuro e protetto, di trascorrere una settimana di vacanza in pieno relax e divertimento». Il manager guarda quindi con ottimismo alle prossime partenze.