|
napoli 2
17 ottobre 2021, Aggiornato alle 18,14
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

ICS: vaccinare i marittimi per proteggere tutti

Regno Unito, Sud Africa, Filippine e Brasile restringono la frontiere. La vita di questi lavoratori continua ad essere in balìa degli eventi. Confitarma scrive al ministero della Salute

(Japanexperterna.se/Flickr)

a cura di Paolo Bosso

L'International Chamber of Shipping (ICS) continua il lavoro di pressione sugli Stati costieri per classificare i marittimi come lavoratori chiave e inserirli nell'elenco prioriario delle persone da sottoporre a vaccino. Non è una questione di privilegi, sottolinea l'ICS, piuttosto immunizzando questi lavoratori si faciliterebbe la stessa distribuzione del vaccino in tutto il mondo, oltre a risolvere un problema che va avanti da quasi un anno e sta coinvolgendo centinaia di migliaia di marittimi, il cambio di equipaggio.

Alla instabilità della situazione contribuisce la variante della Covid-19, come sta accadendo in Brasile, in Sud Africa e nel Regno Unito in particolare. Lì il cambio di equipaggio si fa ancora più difficile. Anche nelle Filippine è così, con il Paese che ha esteso il divieto di cambio a 35 Stati, impedendo di fatto ai marittimi stranieri di sbarcare nei porti delle Filippine. Il Regno Unito ha messo al bando cittadini in ingresso provenienti da Sud America e Stati Uniti. Tutto questo ridimensiona la globalizzazione e l'industria marittima.

Confitarma, che aderisce all'ICS in rappresentanza dell'armamento italiano, nei giorni scorsi ha scritto al ministero della Salute per sottolineare la necessità di dare priorità alla vaccinazione a tutti i lavoratori del mondo marittimo al fine di evitare gravi conseguenze che la diffusione del virus potrebbe avere non solo per i marittimi imbarcati su navi operanti in traffici internazionali, ma anche per gli equipaggi imbarcati sui servizi di cabotaggio di collegamento con le isole, con evidenti ripercussioni negative per l'intera economia del Paese. L'accesso prioritario ai vaccini per i marittimi potrebbe finalmente risolvere in via definitiva la grave problematica degli avvicendamenti dei marittimi all'estero.

A bordo di un mercantile possono trovarsi dalle tre alle trenta nazionalità diverse, una variabilità che rende molto facile per un mercantile, in questo momento, di trovarsi bloccato o di subire ritardi per via dell'assenza di marittimi disponibili.

Attualmente, dopo le iniziative dell'International Maritime Organization e la sentenza storica dell'International Labour Organization, sono 40 i Paesi firmatari di una dichiarazione che riconosce i marittimi "lavoratori chiave" ma ad oggi la maggior parte degli Stati costieri industrializzati non l'ha ancora fatto, rendendo troppo poco efficace questa iniziativa.

Secondo Guy Platten, segretario generale dell'ICS, «i vantaggi della vaccinazione dovrebbero essere evidenti. I governi devono classificare i marittimi come "lavoratori chiave" e dare loro l'accesso prioritario al vaccino, poiché l'incapacità di far fare il cambio di equipaggi rischia di minare lo sforzo necessario per lo la vaccinazione globale. Se vogliamo mantenere il commercio globale, i marittimi non devono essere messi in coda alla fila dei vaccini».

Continuano le limitazioni ai viaggi per questo tipo di lavoratori, sottolinea l'ICS, nonostante il loro fondamentale ruolo nella catena di approvvigionamento, coinvolgendo negli scorsi mesi fino a 300 mila lavoratori, in difficoltà a raggiungere l'equipaggio per l'avvicendamento o per tornare a casa. In alcuni casi si resta bloccati a bordo per oltre un anno, com'è successo recentemente ad alcune navi italiane in Cina (ma per ragioni non solamente legate alla pandemia).

Con questo sostegno così limitato dei governi ai marittimi, sottolinea l'ICS, c'è la reale preoccupazione che i problemi per questi lavoratori aumentino invece che diminuiscano. Vaccinare i marittimi prioriariamente significa quindi garantire la fornitura di beni materiali come siringhe e mascherine, o lo stesso vaccino.

-
credito immagine in alto