|
napoli 2
29 settembre 2020, Aggiornato alle 14,57
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Pirateria, armatori Ue: non fermiamo Atalanta-Navfor

L'Ecsa chiede il prolungamento della missione diplomatico-militare per prevenire gli attacchi pirata nel Corno d'Africa


In una lettera a Josep Borrel i Fontelles, Alto rappresentante dell'Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, l'associazione europea degli armatori, ECSA, ha sottolineato la necessità di estendere l'attuale mandato di Navfor-Atalanta, la missione diplomatico-militare dell'Ue per prevenire gli attacchi pirata nella zona del Corno d'Africa.

Gli incidenti nell'area, infatti, stanno aumentando, in una bacino – punto di passaggio obbligatorio per transitare nel canale di Suez – in cui passa circa un quinto del traffico marittimo mondiale. Con l'istituzione di Atalanta nel 2008, dal 2010, dopo il picco di attacchi, l'operazione internazionale «ha dimostrato di essere un deterrente efficace», afferma il segretario dell'ECSA, Martin Dorsman.

Tuttavia la situazione è molto delicata. Aumentano i casi segnalati di barchini dei pirati, del tutto simili a quelli dei pescatori, che continuano ad avvicinarsi alle murate dei mercantili.

«Gli sforzi dell'industria marittima non possono sostituire le risorse militari, l'intelligence e il coordinamento multilaterale. La continuazione dell'operazione Atalanta è essenziale», conclude Dorsman.

Tag: pirati