|
napoli 2
26 gennaio 2021, Aggiornato alle 21,24
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Pesatura container, le indicazioni del terminal di Napoli

In esportazione, si accettano box pieni senza Vgm, il quale è un servizio aggiuntivo che si paga


Dal primo luglio, in tutto il mondo, sarà obbligatoria la pesatura dei container in entrata o uscita dal porto ai sensi della normativa Solas dell'International Maritime Organization. Il certificato richiesto riguarda il Verification of the gross mass (Vgm), la "massa lorda del container verificata". Per l'occasione, a seguito degli incontri con Autorità portuale, Capitaneria e associazioni di categoria, il terminal container del porto di Napoli ha diramato un comunicato dove riassume lo stato dell'arte della loro operatività. Si legge:

1) Siamo in grado di ricevere Vgm in formato elettronico: EDI (COPARN - COPRAR - BAPLIE)
2) Accettiamo container pieni in esportazione senza Vgm
3) Siamo in grado di fornire una ponderazione di un container con attrezzature tarate e certificate
4) La richiesta di peso è un servizio aggiuntivo e di conseguenza ha un costo di 25 euro per ogni operazione, che sarà addebitata se riceviamo un avviso di almeno dodici ore prima dell'ingresso
5) Nel caso in cui la richiesta arriva dopo l'ingresso, siamo costretti ad addebitare 60 euro per ogni container più relativi MOV/restow.
 
Le e-mail dov'è possibile prenotare la richiesta della pesatura sono: gate@conateco.it; giuseppe.bracale@conateco.it. 

A proposito del servizio email, si precisa:
• «Abbiamo bisogno di riceverla in anticipo, prima dell'ingresso dei container, invece di una e-mail destinata ad altri soggetti con un contenuto generico o privo di dettagli

• «In questa e-mail abbiamo bisogno di: conoscere il numero del container, la prenotazione, il soggetto che richiede il servizio, a chi inviare il risultato di pesatura e il soggetto che pagherà per questo servizio extra»