|
Porto di Napoli
16 novembre 2018, Aggiornato alle 11,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Nuova mission per il Comitato Gente di Mare

L'associazione ha individuato una linea d'intervento coerente con la ratifica della Maritime Labour Convention


Con la condivisione di una "nuova missione associativa", si è riunito mercoledì a Roma il Comitato nazionale welfare per la Gente di mare, associazione tra i rappresentanti del cluster marittimo che dal 2006 avvicina istituzioni e associazioni di volontariato, per il supporto ai lavoratori marittimi.

 

Presenti al tavolo, nella sede del Comando generale delle Capitanerie di porto, il Comandante generale, ammiraglio ispettore capo Giovanni Pettorino, nella qualità di presidente neo eletto, e Mauro Coletta, direttore generale per la vigilanza sulle Autorità portuali, le infrastrutture portuali e il trasporto marittimo e per vie d'acqua interne. Hanno inoltre partecipato all'incontro la rappresentanza delle associazioni di categoria, del terzo settore ed i sindacati dei lavoratori marittimi: Confitarma, Fedarlinea – rappresentata da AssArmatori -, Fedepiloti, Angopi, Stella Maris, Apostolato del Mare, Fit-Cisl e Cirm.

 

Tutti i membri del Comitato hanno condiviso la necessità di individuare una nuova missione associativa, coerente con l'intervenuta ratifica della Maritime Labour Convention (MLC 2006) per effetto della legge 23 Settembre 2013, n. 113. E' stata infatti approvata, all'unanimità, la modifica dell'atto costitutivo del Comitato con l'obiettivo di dare piena attuazione alla MLC 2006, anche attraverso il coordinamento e l'indirizzo unitario delle attività dei Comitati Territoriali del Welfare della Gente di Mare a beneficio dei marittimi stranieri.