|
napoli 2
28 luglio 2021, Aggiornato alle 14,43
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Marittimi, si armonizzano i certificati tra Italia e Cina

China Maritime Safety Administration e ministero dei Trasporti firmano un importante accordo che riconosce i reciproci standard di formazione, uniformandosi alla Convenzione internazionale STCW

Un marittimo cinese e uno italiano nella sala motori di "Y M Orchid", in sosta nel porto di Genova (International Labour Organization ILO/Flickr)

A poco più di una settimana dalla risoluzione del caso dei marittimi italiani bloccati in Asia, Cina e Italia stringono un importante accordo che armonizza le pratiche di lavoro dei marittimi tra i due Paesi uniformandone i certificati.

L'accordo è stato siglato da Cao Desheng, direttore generale di China Maritime Safety Administration, reparto di sicurezza del ministero dei Trasporti cinese, e da Maria Teresa Di Matteo, responsabile della direzione porti del ministero dei Trasporti italiano. La firma è avvenuta nel corso di una videoconferenza a cui hanno partecipato anche il ministero degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, e l'omologo cinese Wang Yi.

Da oggi i certificati relativi alla formazione e all'addestramento dei marittimi sono reciprocamente riconosciuti da Cina e Italia, confluendo nella Convenzione internazionale sugli standard di addestramento, abilitazione e tenuta della guardia per i marittimi, nota con la sigla STCW '78, convenzione internazionale adottata nel 1978 dall'International Maritime Organization che armonizza tutte le pratiche su addestramento e formazione continua. Certificati fondamentali per lavorare a bordo, come per esempio i corsi di salvataggio, quelli antincendio, l'uso del radar, la gestione delle cisterne e gli addestramenti specifici per classe di nave.

Secondo China Maritime Safety Administration, l'accordo tra Italia e Cina permetterà non solo di uniformare le pratiche di lavoro marittime tra i due Paesi ma anche di incentivare l'occupazione degli italiani a bordo di navi operanti in Cina, non solo nel cargo ma anche in altri ambiti come quello passeggeri o crocieristico.

-
credito immagine in alto

Tag: marittimi - lavoro - cina