|
napoli 2
04 luglio 2020, Aggiornato alle 10,35
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Infrastrutture

La nautica verso più Saloni

Come per la fiera del libro, si pensa a più eventi complementari durante l'anno. Ucina e Nautica Italiana si incontrano a Roma


«L'obiettivo è quello di definire insieme una strategia di più saloni nautici nell'arco dell'anno, che sia vincente e competitiva a livello internazionale, volano di sviluppo per la nautica italiana e utile per il settore». Così il presidente di Nautica Italiana, Lamberto Tacoli, ha sintetizzato l'incontro di ieri al ministero dello Sviluppo Economico tra la sua associazione e Ucina Confindustria Nautica. Le due associazioni, la prima "scissionista" e la seconda "ortodossa", si sono incontrate a Roma con il governo a fare da mediatore. Lo scopo è stato quello di negoziare una sorta di "pace", avviando una strada comune da percorrere per promuovere i marchi e l'appeal della nautica italiana nel mondo.
 
È stato il primo vertice dopo l'addio, avvenuto a luglio, di diversi grandi marchi da Ucina, assocciatisi poi in Nautica Italiana. Non è stato quindi deciso ancora nulla di definitivo, ma è stata almeno messa la parola fine alle polemiche. È stato un «incontro positivo», secondo la presidente Ucina Carla Demaria, «le aperture che abbiamo fatto da almeno due anni hanno trovato la valutazione da parte delle aziende fuoriuscite da Confindustria. A loro abbiamo confermato l'ampia disponibilità a valutare come integrare con eventi di settore complementari il nautico di Genova».

Come per il libro, più Saloni
Un po' come per il Salone del libro, su cui si sta lavorando a un doppio evento a Milano e a Torino, nella prima città organizzare la fiera vera e propria con vendita e promozione commerciale, nella città piemontese invece gli incontri con gli autori e le case editrici. La nautica potrebbe prendere ispirazione da qui: due luoghi dove fare cose differenti e complementari. Limitarsi a moltiplicare i Saloni sarebbe dannoso. Nautica Italiana vorrebbe più Saloni, tra i quali una manifestazione nel Porto Antico di Genova. Ucina invece vorrebbe eventi collaterali al Salone di Genova, magari qualcosa dedicato agli yacht di lusso. 

Una spa pubblico-privata
Per quanto riguarda la forma societaria, Ucina è in linea con la proposta del governatore della Liguria Giovanni Toti, che vorrebbe una società pubblico-privata che incorpori Saloni Nautici spa, la società che Ucina utilizza per organizzare l'evento di Genova, aperta a tutti, quindi anche a Nautica Italiana.