|
Porto di Napoli
20 settembre 2018, Aggiornato alle 12,53
intersped
Informazioni Marittime
Naples Shipping
Politiche marittime

Gioia Tauro, porto approva Agenzia del lavoro

Delibera dell'Autorità portuale, ancora commissariata


Ancora commissariata, l'Autorità portuale di Gioia Tauro ha avviato l'Agenzia di somministrazione del lavoro portuale e per la qualificazione professionale. Una delibera approvata oggi dal Comitato portuale convocato ad hoc dal commissario Andrea Agostinelli.

L'istituzione dell'Agenzia a Gioia Tauro ha richiesto un complicato lavoro. Era stata approvata a novembre dell'anno scorso, bocciata dalla Commissione Bilancio della Camera dopo poche settimane, infine riapprovata dal governo dopo circa un mese. A gennaio è stata approvata nel porto di Taranto. La scorsa settimana c'è stata l'adozione da parte del ministero dei Trasporti dell'intesa formale alla istituenda Agenzia portuale (art. 4 del Dl 243 del 2016, convertito in legge 18/2017). Un passaggio importante che ha permesso allo scalo calabrese di portare in Comitato la delibera istitutiva. 

«Il difficile percorso che ha portato a questa delibera sarà del tutto inutile se l'Autorità portuale e gli altri enti interessati non dedicheranno ogni energia all'adozione di scelte coraggiose per il rilancio produttivo del porto e "nel tempo" per il riassorbimento degli esuberi», commenta Agostinelli.

A Gioia Tauro l'Agenzia accompagnerà un processo di riconversione industriale in una realtà dove l'80 percento della movimentazione container avviene per trasbordo. L'obiettivo è quello di scongiurare uno stato di crisi che va avanti da cinque anni. In essa confluiranno i lavoratori in esubero dalle imprese che operano ai sensi dell'art. 18 della legge 84/94, autorizzate alla movimentazione container che fino al 27 luglio dell'anno scorso usufruivano di ammortizzatori sociali. Durerà tre anni con partecipazione pubblica e sarà promossa e gestita dall'Autorità portuale e dalla futura Autorità portuale di sistema del Tirreno meridionale (Gioia Tauro, Messina, Crotone, Villa San Giovanni, Vibo Valentia, Reggio Calabria). Il suo compito sarà quello di supportare la collocazione professionale dei lavoratori, anche attraverso la formazione professionale.

Torna su