|
napoli 2
22 gennaio 2021, Aggiornato alle 19,27
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Cultura

Fincantieri vince l'Oscar di Bilancio

Promosso dalla Federazione Relazioni Pubbliche Italiana, premia le imprese (in questo caso piccola e media) virtuose nel rendiconto finanziario e nel bilancio di sostenibilità


Fincantieri si è aggiudicata l'edizione 2020 dell'Oscar di Bilancio, il premio promosso e organizzato dalla Federazione Relazioni Pubbliche Italiana che da oltre cinquant'anni riconosce le imprese più virtuose nelle attività di rendicontazione finanziaria e nella cura del rapporto con gli stakeholder. L'evento si è svolto oggi in streaming.

Il comitato promotore è costituito da FERPI, Borsa Italiana e Università Bocconi, insieme ad altre associazioni partner. La motivazione della commissione aggiudicatrice riconosce a Fincantieri di aver presentato, nella propria categoria di appartenenza, vale a dire quella delle medie e piccole imprese quotate, «un Bilancio di Sostenibilità molto completo nel quale sono individuati con precisione gli obiettivi mirati, con particolare attenzione all'ambiente e al sociale. Anche l'informativa economico-finanziaria consente di avere un quadro esauriente dell'andamento della società e dei principali rischi ai quali questa è esposta».

L'Oscar di Bilancio è nato nel 1954 per volontà di Roberto Tremelloni, allora presidente dell'Istituto per le Relazioni Pubbliche e in seguito ministro delle Finanze, con l'intento di stimolare le aziende a una migliore presentazione, redazione e diffusione della relazione annuale di bilancio. Viene assegnato al miglior rendiconto finanziario ed economico patrimoniale correlato alle performance sociale ed ambientale.

Nel 2020 Carbon Disclosure Project, organizzazione no-profit indipendente che misura il livello di informazioni riguardanti l'impatto ambientale delle società, ha assegnato a Fincantieri il rating B. Il Gruppo, inoltre, si è posizionato nel range più alto della classifica di Vigeo Eiris, agenzia che valuta nell'ambito della sostenibilità l'integrazione dei fattori sociali, ambientali e di governance, collocandosi al primo posto fra i suoi peer di riferimento.