|
napoli 2
13 novembre 2019, Aggiornato alle 12,58
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Infrastrutture - Logistica

Ferrovie, Italia e Ungheria lavorano a un nuovo corriodio

Coinvolgerà la Russia e si allaccerà alla via della seta cinese. Le Ferrovie dello Stato volano a Budapest

Un treno ungherese

Si entra nel vivo degli accordi tra le ferrovie italiane e quelle ungheresi per creare un corridoio che colleghi l'Italia con la Russia, la Slovenia, l'Ungheria e l'Ucraina. Dopo il memorandum di marzo e le visite in Italia a maggio, è toccato ora alle Ferrovie dello Stato volare a Budapest, nella sede di Magyar Államvasutak (MAV), le ferrovie dello stato dell'Ungheria.

Il bilaterale ha coinvolto - oltre ai dirigenti italiani di FS International Mercitalia, Rail e Italferr, e a quelli ungheresi di MAV - anche il presidente delle Ferrovie russe (RZD), Victor Belyakov, insieme al direttore della divisione logistica di RZD, Alan Kalukhov.

Ancora non ci sono progetti e investimenti concreti ma è ormai questione di tempo. Il corridoio, andando a collegare l'Italia con i paesi balcanici e la Russia, permetterà al Belpaese di allacciarsi ai servizi ferroviari che collegano la Cina con l'Europa, quindi rientrando nella belt and road initiative, la "via della seta" cinese a cui l'Italia ha aderito per primo tra i paesi europei. Lo sapevate che si sta creando anche una via della seta "del Nord", utilizzando il passaggio a nord-est?