|
adsp napoli 1
23 marzo 2023, Aggiornato alle 15,31
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Cultura

Fabbisogni formativi, porto di La Spezia collabora con l'Accademia mercantile di Genova

Verranno studiate le esigenze professionali nei terminal portuali di La Spezia e Marina di Carrara. Firmato un accordo tra l'Accademia e l'autorità portuale

Il presidente dell'Accademia Italiana della Marina Mercantile, Eugenio Massolo, e il presidente dell'autorità portuale, Mario Sommariva

È stato ratificato questo pomeriggio a Genova un accordo di programma tra la Fondazione Accademia Italiana della Marina Mercantile genovese e l'Autorità di sistema portuale della Liguria Orientale (La Spezia e Marina di Carrara) che prevede lo studio e l'analisi dei fabbisogni formativi dei lavoratori dei terminal portuali della Spezia e di Marina di Carrara. Ad apporre le firme, il presidente dell'Accademia, Eugenio Massolo, e il presidente dell'autorità portuale, Mario Sommariva. 

Scopo della ricerca è osservare e rilevare i fabbisogni formativi emergenti nel settore portuale, che vive una continua trasformazione delle professionalità e competenza richieste. L'indagine prosegue il percorso già avviato nei terminal portuali di Genova a seguito dell'accordo con l'Autorità di sistema portuale della Liguria Occidentale e le principali sigle sindacali. Una particolare attenzione è dedicata alle competenze di alfabetizzazione digitale, il cui ruolo nel definire i percorsi professionali è aumentato notevolmente negli ultimi anni. Il disegno di indagine, redatto in tre versioni per tre diversi ruoli professionali - "Operativi/Operai", "Tecnici Manutentori" e "Impiegati Amministrativi" - è realizzato dall'Accademia Italiana della Marina Mercantile, principale istituzione italiana nel panorama della formazione tecnica superiore. Lo strumento di rilevazione, suddiviso in sezioni tematiche, è finalizzato a fornire un quadro complessivo del target formativo sia attraverso metodi di valutazione oggettiva delle conoscenze, sia in base all'autopercezione e autovalutazione del proprio livello di competenze digitali. La compilazione del questionario è individuale, e la somministrazione dello stesso avviene in via telematica CAWI (Computer Assisted Web Interviewing) tramite una piattaforma fornita e programmata a cura dell'Accademia Italiana della Marina Mercantile. Nata nel 2005 e riconosciuta come Fondazione ITS nel 2011 con la denominazione di "Fondazione Istituto tecnico superiore per la mobilità sostenibile – Settori trasporti marittimi e pesca", l'Accademia è un'istituzione che rilascia titoli del Ministero dell'Istruzione nell'ambito dell'Istruzione terziaria non universitaria. La "mission" dell'Accademia consiste nell'erogare una formazione specialistica mirata verso occupazioni ad alto contenuto professionale e tecnologico, sulla base dei fabbisogni delle imprese dei settori interessati e in particolare nelle aree strategiche del marittimo e della logistica.