|
napoli 2
14 novembre 2019, Aggiornato alle 17,31
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Politiche marittime

Bari e Brindisi, Cassazione boccia richiesta interdizione per Patroni Griffi

Annullata la misura cautelare richiesta dal tribunale del riesame di Lecce. Sono indagati per falso in atto pubblico e frode in pubblica fornitura


La Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio l'ordinanza del tribunale del riesame di Lecce con cui veniva disposta una misura interdittiva di sospensione dall'incarico per otto mesi per il presidente dell'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale, Ugo Patroni Griffi, e per il direttore del dipartimento Tecnico, Francesco Di Leverano.

«È risultato lampante il nostro assunto – commenta Patroni Griffi, che amministra i porti di Bari, Brindisi, Manfredonia, Barletta e Monopoli - ossia che l'infrastrutturazione di un porto non può costituire reato, atteso che si tratta di opere necessarie e indispensabili per garantire i livelli di security imposti dalla legge e consentire allo scalo di adeguarsi ai propri competitor , italiani e stranieri. Un sincero ringraziamento va alla comunità portuale brindisina e a tutti quegli operatori che hanno creduto nella correttezza e nella trasparenza della nostra azione amministrativa».

L'indagine coinvolge 13 persone e la misura interdittiva per Patroni Griffi era stata richiesta a giugno. Riguarda presunti lavori abusivi per la realizzazione di opere di security nel porto di Brindisi (recinzioni in via Del Mare e riqualificazione della strada ex Sisri). Griffi deve rispondere di falso in atto pubblico per aver indotto il Comune di Brindisi a revocare l'ordinanza di sospensione dei lavori per la recinzione di via del Mare; Di Leverano di concorso in frode in pubblica fornitura.

La suprema Corte, quindi, ha ricalcato sostanzialmente la decisione già adottata dal giudice delle indagini preliminari che in prima istanza aveva respinto la richiesta del pubblico ministero. La terza sezione penale della Corte di Cassazione, riunitasi mercoledì 23 ottobre, costituita da giudici specializzati in urbanistica ed edilizia, ha approfondito per oltre due ore in Camera di Consiglio.

«In tutti questi mesi, nonostante la pendenza del provvedimento, il presidente, il dirigente e tutto il management dell'ente portuale hanno comunque continuato ad operare e lavorare per la crescita dei porti del sistema e in particolare per il porto di Brindisi; impegno confermato dai dati relativi ai traffici e alle proiezioni per l'immediato futuro», sottolinea una nota dell'autorità di sistema portuale. 

Tag: bari - puglia