|
napoli 2
15 gennaio 2021, Aggiornato alle 18,05
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Cultura - Eventi

Bagnoli, primo passo per il recupero dell'ex area Nato

Riunita la commissione incaricata di approfondire la delibera di Giunta comunale 423/2020 che adotta il piano urbanistico attuativo


Primo passo (almeno dal punto di vista amministrativo) per il recupero e la definitiva restituzione alla città dell'area ex Nato di Bagnoli a Napoli. Si è tenuto infatti questa settimana il primo incontro della commissione incaricata di approfondire la delibera di Giunta comunale 423/2020 che adotta il piano urbanistico attuativo per l'ex collegio Ciano, che fino al 2013 ha ospitato la Nato.

Il resoconto della riunione curato dalla testata Qui Campi Flegrei

La storia
Da base militare a centro culturale, la storia della Nato di Bagnoli a Napoli ha attraversato diverse fasi. L'area a nord di Bagnoli, nota come collina San Laise, fu destinata nel 1938 ad accogliere l'Istituto per i figli del Popolo, Collegio Costanzo Ciano, opera di pubblica utilità destinata ai bambini e ragazzi indigenti di Napoli. Ma quando scoppiò la Seconda Guerra Mondiale, la grande area, per la sua posizione strategica, fin da subito venne requisita dalle autorità militari italiane, poi da quelle tedesche e infine dagli Alleati.

Nel 1954 la Nato, acronimo di North Atlantic Treaty Organization, l'Organizzazione del Trattato dell'Atlantico del Nord istituita nel 1949 tra Stati Uniti d'America, Canada, Regno Unito, Francia, Norvegia, Germania, Italia e altri Paesi dell'Europa occidentale per contrastare eventuali attacchi e minacce di stati come l'Unione Sovietica, trasferisce a Bagnoli la sua base. La Nato di Napoli era la più grande d'Italia. Dopo l'addio delle truppe militari americane nel 2013, la base di 200 mila metri quadrati, tornata alla Fondazione Banco di Napoli, ha vissuto diversi anni di abbandono. Negli ultimi anni l'area è stata occasionalmente aperta al pubblico per ospitare concerti, cinema all'aperto e mercatini.