|
napoli 2
14 novembre 2019, Aggiornato alle 17,31
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2

Troppo vicini e simili, Anversa e Bruges vogliono fondersi

Da oltre un anno studiano come creare un unico sistema portuale, favorendo occupazione, investimenti e futuro

Il sistema portuale di Bruges-Anversa

I porti belgi di Anversa e Zeebrugge (Bruges), a un centinaio di chilometri di distanza, potrebbero fondersi nel giro di un paio d'anni. Le due autorità portuali hanno infatti annunciato l'avvio di negoziati per dare vita a un unico sistema portuale. Una decisione presa dopo oltre un anno di studi sulla complementarità dei due porti commerciali - tra i più importanti della cintura anseatica – condotti dagli studi di consulenza legale Deloitte.

Sia Anversa che Zeebrugge movimentano ogni tipo di merce. Sono due grossi porti di rotabili, ma anche di passeggeri e di prodotti energetici. Zeebrugge, in particolare, che movimenta circa 40 milioni di tonnellate merce l'anno, ha terminal con alti fondali.

Il dossier considera varie fasi del processo che potrebbe portare a un solo sistema portuale. In primo luogo indica le forme di cooperazione possibili, il valore aggiunto che ne scaturirebbe e infine una vera e propria fusione con diversi tipi di governance da adottare. 

I due porti sono in concorrenza e quello che sottolinea Deloitte è che proprio una stretta collaborazione sugli stessi servizi li farebbe crescere ancora di più. Non solo. Risponderebbero meglio alle dismissioni e riqualificazione delle aree. La collaborazione/fusione favorirebbe l'occupazione e permetterebbe una progettazione più veloce di infrastrutture di grossa portata come quelle che riguardano la digitalizzazione e la transizione energetica. «Un'integrazione di vasta portata», in sostanza o una vera e propria fusione tra authority. Gli operatori e i clienti dei porti, sottolinea Deloitte, sono a favore.

«È da un po' di tempo che ci confrontiamo con il porto di Anversa. L'ambizione principale è quella di creare un porto nuovo, a prova di futuro», commenta Dirk De fauw, presidente del Consiglia di amministrazione del porto di Zeebrugge. Secondo Annick De Ridder, membro del CdA di Anversa, dalla ricerca emerge che «entrambi i porti sono complementari. Una collaborazione favorirebbe l'occupazione, il ruolo regionale e il livello internazionale».