|
adsp napoli 1
04 luglio 2022, Aggiornato alle 20,19
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Cultura

Tirreno, relitti nel buio ad oltre 600 metri di profondità

Le ricerche dell'Università Ca' Foscari di Venezia, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia di Pisa e Livorno e Fondazione Azionemare


Relitti di navi romane scoperti negli abissi ad oltre 600 metri di profondità nelle acque del Tirreno: se ne sta occupando in questi giorni l'Università Ca' Foscari di Venezia, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Pisa e Livorno e con la Fondazione Azionemare, che da anni esplora le grandi fosse abissali comprese tra Toscana, Liguria e Corsica, sfruttando minirobot e raffinate tecnologie.

Tra i relitti indagati, scrive Archeologia Subacquea Blog, una navis lapidaria romana oggi posata a 280 metri di profondità con il suo carico di marmi, accompagnati da anfore vinarie del I secolo d.C., e il relitto affondato a Pianosa con un carico di anfore, tegole e coppi, e oggi giacente a 640 metri di profondità.