|
napoli 2
25 settembre 2020, Aggiornato alle 17,23
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Taranto, il 10 gennaio via libera all'Agenzia del lavoro

L'ente per la ricollocazione dei portuali (che riguarda anche Gioia Tauro) è stato riapprovato dal governo a fine anno dopo la bocciatura della commissione bilancio della Camera

L'Autorità portuale di Taranto si sta già adoperando (ma sarà un lavoro lungo) per la costituzione della nuova Agenzia che, a partire da quest'anno, si dovrà far carico della riqualificazione e rioccupazione del personale in esubero.

Il 10 gennaio è stato convocato il comitato portuale che dovrà deliberare in merito all'Agenzia che a Taranto interessa i 520 addetti, attualmente in mobilità dopo la fine della cassa integrazione a dicembre, della società Taranto container terminal che da giugno 2015 è stata messa in liquidazione dai suoi azionisti tra cui la compagnia Evergreen.

Anche se Taranto è ormai a tutti gli effetti, in base alla riforma, Autorità portuale di sistema del Mar Ionio con Sergio Prete presidente, sarà tuttavia il "vecchio" Comitato Portuale, rappresentativo di enti locali, sindacati e Camera di Commercio, e non il "nuovo" Comitato di Gestione previsto dalla riforma Delrio, ad occuparsi, almeno nella primissima fase, dell'Agenzia per il lavoro portuale. Questo perché Comune di Taranto e Regione Puglia non hanno ancora designato i loro rappresentanti nell'organo di gestione dell'Authority.

L'agenzia dell'AdSP avrà una doppia sede, una a Taranto e l'altra a Gioia Tauro. I finanziamenti previsti sono 18,144 milioni quest'anno, 14,112 il prossimo e 8,064 nel 2019. All'Agenzia si applicano le stesse norme che disciplinano le agenzie di somministrazione, eccetto il finanziamento, che è pubblico, il personale avrà un'indennità per le giornate di mancato avviamento al lavoro e i lavoratori individuati devono accettare l'impiego proposto, pena la cancellazione dagli elenchi detenuti dall'ente. L'agenzia del lavoro per Taranto e Gioia Tauro è stata riapprovata dal governo a fine anno dopo la bocciatura della commissione bilancio della Camera.