|
napoli 2
20 settembre 2020, Aggiornato alle 16,15
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Soccorsi e sequestri, l'estate della Guardia Costiera in Campania

Da Capri al litorale vesuviano, diverse operazioni hanno impegnato in questi giorni gli uomini delle Capitanerie di Napoli e Torre del Greco


Salvataggi, controlli, sequestri. Prosegue senza sosta l'attività estiva della Guardia Costiera in Campania.


Ieri gli uomini della Capitaneria di Napoli hanno scoperto e sequestrato una "spadara" di 14 chilometri. La rete era stata collocata a circa 30 miglia a nord-ovest dell'isola di Capri per catturare illegalmente i pesce spada: la spadara, oltre che per i pescespada, ha conseguenze devastante per numerose specie ittiche, ed e' molto pericolosa per la sicurezza della navigazione, in quanto non segnalata.


Nelle stesse ore, un team della Capitaneria di Torre del Greco ha tratto in salvo cinque diportisti che avevano da poco segnalato al numero di soccorso "1530" il progressivo imbarco d'acqua con conseguente perdita di sicurezza del natante a circa sei miglia al largo del porto corallino.


E sempre sulla costa vesuviana, la Guardia Costiera di Torre del Greco ha sequestrato circa un chilometro e di reti utilizzate per la pesca di frodo lungo il litorale che va da Portici ad Ercolano, e potenzialmente pericolose per la sicurezza della balneazione e della navigazione.