|
napoli 2
26 maggio 2020, Aggiornato alle 15,38
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1
Infrastrutture

Seastema è il primo produttore italiano certificato di autopilota marine

La società di Fincantieri ottiene la conformità MED/4.16, il più elevato standard internazionale per i dispositivi di automazione

L'autopilota Seas-Pilot HCS di Seastema

Seastema, società del gruppo Fincantieri specializzata nella progettazione e nella fornitura di sistemi integrati di automazione navale in ambito militare, mercantile e yacht, ha ottenuto dal classificatore norvegese DNV GL la certificazione di conformità "MED/4.16 Type Approval" per il suo autopilota Seas-Pilot HCS.

Cosa significa? Che in pratica Seastema diventa l'unico produttore italiano e uno dei primi al mondo a realizzare un autopilota certificato secondo la nuova normativa europea Marine Equipment Directive-MED 2019/1397, il più elevato standard internazionali in ambito marine.

Il sistema Seas-Pilot HCS sarà impiegato sulle nuove unità navali che Fincantieri consegnerà alla Marina militare italiana nell'ambito della Legge Navale. Il primo dispositivo verrà installato su una logistic support ship, a cui seguiranno i nuovi yacht realizzati da Benetti.

Il prossimo dispositivo in sviluppo da parte di Seastema è il Seas-Pilot TCS, il controllo automatico della rotta. Anche questo verrà certificato MED e dovrebbe venire installato su landing helicopter dock della Marina Militare.

Seas-Pilot HCS e Seas-Plot TCS, insieme al posizionamento dinamico proprietario, già installato sulla Dattilo e la Diciotti della Guardia costiera italiana, costituiscono il Seaspilot Navy, un autopilota evoluto in grado di gestire funzionalità di manovra di tipo tattico. È attualmente in fase di rilascio anche sui pattugliatori polivalenti d'altura della Marina militare, nuove unità in costruzione di cui ne spieghiamo i dettagli in questo approfondimento.

«Questi risultati confermano la continua attività di ricerca e sviluppo di Seastema che utilizza logiche di controllo e tecnologie grafiche innovative per rendere sempre più competitivi i propri prodotti», commenta una nota di Fincantieri.