|
adsp napoli 1
20 maggio 2022, Aggiornato alle 15,45
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Porto di Venezia vicino ai livelli del 2019

Il differenziale è ancora negativo ma la ripresa dei traffici nel 2021 è stata consistente

Il canale di Porta Nuova, Venezia (grobery/Flickr)

Nel 2021 il traffico generale del sistema portuale di Venezia e Chioggia si avvicina ai livelli pre-pandemia del 2019 con un differenziale di meno 3 per cento. 

Come informa l'Autorità di sistema portuale dell'Adriatico Settentrionale, il volume generale l'anno scorso è stato di 24,2 milioni di tonnellate, in crescita del 7,9 per cento sul 2020.

Relativamente stabili le rinfuse liquide (-1,8%) e in calo i container, pari a 15,250 TEU (2,8%). Le rinfuse solide crescono del 30 per cento a 6,4 milioni di tonnellate, il general cargo del 5 per cento a 9,3 milioni di tonnellate.

I crocieristi non possono ancora essere ai livelli pre-pandemia, quando il porto ne movimentava oltre un milione, mentre nel 2021 sono stati pari a 31,685 passeggeri, ma è comunque in risalita (+460%). Discorso simile per i passeggeri dei traghetti, in risalita del 58,3 per cento.

Il presidente dell'autorità di sistema portuale, Fulvio Lino Di Blasio, spiega che «la consistente contrazione della produzione industriale, le limitazioni imposte dalla crisi pandemica del 2020 hanno prodotto e continuano a produrre importanti ripercussioni sulla logistica nazionale e internazionale, con effetti sull'andamento di tutti i settori e di tutte le modalità di movimentazione delle merci. Grazie alle opportunità offerte dal Pnrr, all'istituzione della Zls e alla messa in campo delle progettualità previste nel Pot, in corso di realizzazione, che vanno nella direzione dell'innovazione, dello sviluppo dell'intermodalità e della maggiore sostenibilità ambientale e sociale, i porti lagunari potranno continuare a crescere superando i volumi pre-pandemia». 

Tag: venezia