|
napoli 2
14 novembre 2019, Aggiornato alle 17,31
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Cultura - Infrastrutture

Porto di Salerno, in un libro la storia di dieci secoli

Pubblicato il nuovo saggio dell'avvocato Alfonso Mignone edito da D'Amico con la prefazione di Pietro Spirito


È dedicato alla storia del porto di Salerno il nuovo saggio dell'avvocato Alfonso Mignone edito da D'Amico. "Se Napoli è protagonista della storia marittima del Mezzogiorno – spiega l'autore – non lo è di meno Salerno, città capitale durante la dominazione longobarda prima e, normanna poi. Dopo essere stati porti minori funzionali ai traffici di Amalfi i due scali hanno vissuto, a fasi alterne, a causa delle contingenze politiche, periodi di sviluppo e decadenza". 

Salerno tocca il suo picco più alto come porto emporio di dimensione mediterranea grazie alla presenza della Fiera Mercantile di San Matteo che attira traffici da ogni parte del Mediterraneo ma poi, a partire dal governo aragonese, subisce l'escalation di Napoli che acquisirà lo status di scalo di riferimento del commercio marittimo degli Spagnoli in Italia. Salerno, a causa dei cronici problemi di insabbiamento e del pescaggio, richiesto in una fase storica in cui assistiamo al lento ma inesorabile gigantismo navale, riconquista lentamente la sua dimensione internazionale alla fine del secolo appena trascorso grazie ad un ceto imprenditoriale coeso e alla trasformazione in porto multipurpose. 

"Oggi – sottolinea Mignone – entrambi i porti guardano positivamente al futuro ruolo da recitare nel Mediterraneo integrati in un unico Sistema Portuale connesso alla rete transeuropea TEN-T. Hanno collaborato alla realizzazione del libro Pietro Spirito, presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale, gli imprenditori Agostino Gallozzi ed Antonia Autuori, i docenti universitari Stefano de Luca e Giuseppe Iannaccone".
 

Tag: libri - porti