|
adsp napoli 1
22 maggio 2024, Aggiornato alle 16,09
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Infrastrutture

Porti di Napoli e Salerno, un bando da 600 milioni per fondali e banchine

5 lotti per dragare, riqualificare le aree passeggeri, ripristinare i binari ed elettrificare le banchine. La più grande gara mai lanciata dall'autorità di sistema portuale

Il molo San Vincenzo del porto di Napoli (John Morton/Flickr)

a cura di Paolo Bosso

L'Autorità di sistema portuale del Tirreno Centrale ha lanciato un bando da 586 milioni per i porti di Napoli e Salerno. È il bando più corposo (e costoso) mai lanciato per i porti della Campania, nonché uno dei più grossi per la portualità italiana. Impallidisce per risorse stanziate al famigerato "Grande progetto" per il porto di Napoli lanciato nel 2012, che valeva circa 335 milioni (ridotti di un terzo nel 2018) e non è stato mai ultimato, ragion per cui una parte di questi progetti sono confluiti in quest'ultimo.

Le domande per questo bando da 586,87 milioni di euro dovranno essere inviate entro l'11 luglio prossimo. L'obiettivo dell'autorità di sistema portuale è avviare una serie di accordi quadro con le imprese per il dragaggio dei porti di Napoli e Salerno, consolidarne banchine e dighe foranee, installare il cold ironing (elettrificazione delle banchine), ripristinare i collegamenti ferroviari e l'ultimo miglio nel porto di Napoli, riqualificare le zone monumentali passeggeri e infine completare la darsena di Levante del porto di Napoli, quella in costruzione da decenni per la realizzazione di un nuovo terminal container. Cinque lotti da affidare della durata quattro anni, prolungabili per altri due. Una montagna di interventi. Vediamoli nel dettaglio.

Napoli
Prolungamento e rafforzamento diga Duca D'Aosta (lotti A e B) -  124,49 milioni
Completamento della darsena di Levante 17,16 milioni 
Completamento escavi e realizzazione casse di colmata (più lotti) -  72 milioni 
Riassetto dei collegamenti ferroviari, più ultimo e penultimo miglio ferroviario -  38 milioni 
Riqualificazione area monumentale passeggeri (fasi 1 e 2) -  48,65 milioni 
Recupero edificio ex Magazzini Generali 16 milioni 
Cold ironing (più completamento) -  26,84 milioni 

Salerno
Prolungamento molo Manfredi (fasi 1 e 2) -  21,82 milioni 
Consolidamento moli e banchine -  34,47 milioni 
Dragaggio porto commerciale e canale d'ingresso -  51,30 milioni 
Cold ironing -  19,86 milioni 

Il costo complessivo di tutti questi lavori ammonta a circa 450 milioni, mentre il valore stimato sommando tutti gli accordi quadro annessi ammonta a circa 586 milioni.

-
credito immagine in alto

Tag: napoli - salerno