|
Porto di Napoli
19 dicembre 2018, Aggiornato alle 12,49
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Cultura

Per i port center inizia la sfida dell'autogestione

A Genova, al V 'citizen port meeting' dell'AIVP, si è parlato del modello di finanziamento del centro didattico che racconta le città portuali, la loro cultura e i mestieri

Il port center di Genova

di Paolo Bosso

Per i port center dell'Association Internationale Villes et Ports (AIVP) è arrivato il momento di camminare con le proprie gambe. «Attualmente i port center sono finanziati da fondi pubblici ma c'è una questione aperta: di quanti finanziamenti ha bisogno una struttura di questo tipo?», si domanda Alberto Cappato, segretario del CdA dell'AIVP e direttore di Porto Antico di Genova, la società che gestisce la zona storica e monumentale dello scalo ligure. I port center sono un concetto promosso e patrocinato dall'AIVP. Ogni porto o Comune della città, su rischiesta, può avviarlo, allo scopo di creare un polo didattico, museale e culturale che racconti i mestieri legati all'economia marittima, la storia della città e il fascino della navigazione. L'occasione per riformulare la gestione dei port center, cercando un modello finanziario più potente e insieme più stabile, meno soggetto agli alti e bassi della spesa pubblica e capace di attirare maggiori risorse, è stato il quinto Citizen Port Meeting AIVP tenutosi a Palazzo San Giorgio, a Genova, il 25 e 26 ottobre, in concomitanza con il Festival delle scienze.

Un buon modello di riferimento potrebbe essere quello di Zone Portuaires, un "festival internazionale tra città e porto" che ogni anno, dal 2015, organizza a Genova proiezioni cinematografiche, visite guidate al porto, mostre, etc. Ideato e diretto dalla filosofa Maria Elena Buslacchi e dall'urbanista Maria Pina Usai, non dipende dai fondi pubblici. «I fondi privati rappresentano il 60 per cento, quelli pubblici il 30 per cento, le donazioni il 10. La voce di spesa più alta è il cachet degli artisti, intorno al 70 per cento del totale, seguito dalla comunicazione (20) e dalla logistica (10)», spiega Buslacchi.

Parallelo al port center di Genova c'è la Città dei bambini, pienamente operativa da ottobre. «Il port center ne raccoglie l'esperienza. La gestiamo dal 2014 con Porto Antico. L'anno della Città dei bambini è questo, dove stiamo avviando nuove iniziative. È dall'anno scorso, però, che ci chiediamo di quanti finanziamenti abbiamo bisogno», spiega Cappato. «Da ottobre – spiega Alessandra grasso della società di cooperativa sociale Agorà e che collabora col port center genovese – abbiamo iniziato a sperimentare il biglietto a pagamento». Un ticket «politico», come l'ha battezzato Cappato, perché serve a dare al visitatore da un lato la percezione di trovarsi in un posto che ha un valore quantificabile, dall'altro lo impegna a interessarsi al luogo che visita.

«La sfida dei port center è quella di capire come continuare ad autogestirsi senza basarsi su un modello economico pubblico», conclude Greta Marini, strategic advisor di AIVP. 

Quanti sono i port center dell'AIVP? Ecco una lista completa:

Port center operativi
1.
  Anversa  1988, hanno un progetto di rilocalizzazione piu vicino alla citta. Dovrebbe concretizzarsi nel 2022
2.  Le Havre  2013. Creazione della struttura amministrativa nel 2015
3.  Genova  2009
4.  Livorno  2013
5.  Ashdod  tra il 2010 e il 2011
6.  Vancouver  rinnovato nel 2017
7.  Marsiglia 1 e 2  nati nel 2016 e 2017, un terzo previsto in centro città nel 2020
8.  Guadalupe  senza struttura fisica ma con un programma d'azioni firmato nel 2015
9.  Montreal  apertura preliminare nel 2018, definitiva nel 2019

Prossimi port center
10.
  Lorient  piattaforma digitale creata nel 2018
11.  Transnet Port Authority South africa  carta d'impegni firmata nel 2015
12.  Bruxelles  accordo nel 2017, progetto annunciato
13.  Dublino  accordo nel 2015 per realizzarlo nei prossimi 5 anni
14.  Bilbao  nel museo omonimo, impegno da firmare nel 2019
15.  Dunkerque  accordo nel 2018, apertura nel 2019
16.  Las Palmas  (Canarie) annuncio nel 2018