|
napoli 2
17 gennaio 2022, Aggiornato alle 18,09
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Nel porto di Venezia un sistema per rendere più rapida l'uscita delle merci

Procedura digitale promossa da AdSP del Mare Adriatico Settentrionale, Agenzia delle Dogane e Guardia di Finanza


L'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale e l'Agenzia delle Dogane e Monopoli, col sostegno operativo della Guardia di Finanza, hanno sviluppato un sistema congiunto per digitalizzare le procedure doganali per le merci in uscita dal porto di Venezia e renderle più rapide.

Gli scopi del nuovo sistema, chiamato Port Tracking, sono infatti quelli di ridurre i tempi di attraversamento dei valichi portuali da parte dei veicoli industriali e la congestione negli spazi interni, digitalizzare il "visto uscire" dallo Stato e seguire dal punto di vista doganale e logistico i flussi delle merci che hanno importanza per le Dogane. Secondo l'Autorità portuale, questa procedura ridurrà il tempo di transito dei veicoli container che escono dal varco di via del Commercio fino al 68%. Ora il sistema è attivo solo in questo varco, ma a febbraio 2022 sarà applicato anche a quello di via dell'Azoto e poi al pagamento delle tasse portuali per le merci che svolgono le pratiche doganali fuori dall'ambito portuale.

"Il sistema di gestione informatizzata che avviamo consente un tracciamento dei flussi e delle merci in uscita dallo scalo veneziano in grado di rendere più efficaci ed efficienti i controlli e dunque più sicura, rapida e green la catena logistica", precisa Fulvio Lino Di Blasio, presidente dell'AdSP del Mare Adriatico Settentrionale.
 

Tag: porti - dogane - digitale