|
napoli 2
23 settembre 2020, Aggiornato alle 19,31
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Msc Grandiosa ha lasciato il porto di Genova

Prima crociera dopo il lockdown con passeggeri dell'area Schengen. Discese a terra solo tramite escursioni. Sette giorni toccando Civitavecchia, Palermo e La Valletta.

Un momento dell'evento alla stazione marittima di Genova

Msc Grandiosa è partita dal porto di Genova. È la prima nave da crociera partita da un porto italiano dopo diversi mesi. I primi ospiti hanno iniziato questa mattina le procedure per l'imbarco sull'ammiraglia di Msc Crociere, sono arrivati al terminal crociere secondo le fasce orarie loro assegnate in fase di check in e seguendo le nuove procedure di screening indicate dal protocollo che prevede controllo della temperatura, questionario sanitario e tampone antigene COVID-19. Risultati idonei, i passeggeri si sono poi imbarcati sulla nave secondo le nuove procedure che includono anche l'igienizzazione del bagaglio a mano e di quello in stiva. A terra, alla stazione marittima, una cerimonia di ripartenza con le autorità locali.

A tutti gli ospiti - circa mille, di cui la maggior parte italiani - è stato consegnato un braccialetto "Msc for Me" in omaggio, che consente di effettuare tutte le operazioni in modalità contactless, come l'apertura della porta della cabina o i pagamenti, e contribuirà anche a tracciare, se necessario, i contatti di prossimità. Per quanto riguarda l'equipaggio, sono stati sottoposti a misure di screening sanitario altrettanto rigorose che hanno incluso tre test COVID-19 effettuati in diversi momenti e un periodo di isolamento prima di iniziare le attività di bordo. Ogni membro dell'equipaggio sarà poi regolarmente sottoposto ad ulteriori test e verrà attentamente monitorato anche il suo stato di salute.

La nave è impegnata in una crociera di sette notti nel Mediterraneo Occidentale, toccando i porti di Civitavecchia, Napoli, Palermo e La Valletta. Msc Crociere ha schierato una seconda nave, nell'Adriatico, Msc Magnifica, che partirà il 29 agosto da Bari. Costa Crociere, invece, ha programmato la sua prima crociera post-lockdown il 6 settembre, sempre con una nave ciascuna per Tirreno e Adriatico. Era da tanto che non partivano le navi da crociera. Considerando la pausa invernale, per il porto di Napoli il digiuno è quasi di otto mesi. Tutti i passeggeri di queste crociere dovranno provenire da Paesi dell'area Shengen. Costa Crociere è ancora più restrittiva e limiterà l'imbarco alle sole nazionalità italiane.

Nuovi passeggeri si imbarcheranno domani a Civitavecchia e altri ancora nei giorni successivi a Napoli e Palermo. Poi l'approdo a La Valletta a Malta, il più delicato considerando i numerosi casi di persone contagiate provenienti da lì. Msc Grandiosa tornerà infine domenica a Genova. I passeggeri potranno scendere a terra ma solo attraverso un'escursione protetta e organizzata dalla compagnia, un modo tale da garantire maggior controllo sugli standard di salute e sicurezza.

Gianni Onorato, CEO di Msc Cruises, ha detto che in questi ultimi mesi la compagnia ha messo in atto «le giuste misure a tutela della salute e della sicurezza dei nostri ospiti, dell'equipaggio e delle comunità locali che visiteremo. Allo stesso tempo, abbiamo lavorato per garantire ai nostri ospiti una vacanza in crociera durante la quale potessero godere di tutti quei momenti che hanno sempre apprezzato, dall'intrattenimento alle attività a bordo, fino alle visite a terra protette».

Paolo Emilio Signorini, presidente dell'Autorità di sistema portuale che fa capo a Genova, ha ricordato che nel 2019 il porto aveva superato per la prima volta la soglia dei due milioni di crocieristi movimentati, consolidando nei primi due mesi del 2020 la posizione fra i porti leader nel Mediterraneo con un record di 150 mila passeggeri, crescendo del 32 per cento. «La partenza di Msc Grandiosa è il frutto della volontà di ripresa del turismo crocieristico nel Mediterraneo e nel mondo, verso nuovi orizzonti di sicurezza, serenità e prosperità».

Anche il governatore della Liguria, Giovanni Toti, ha ricordato la crescita dei crocieristi in arrivo e partenza da Genova, «Oggi ripartiamo da quel punto - ha detto - con la fiducia di sempre che ha già portato gli ottimi risultati di questi anni. Le crociere sono strategiche per la Liguria, stanno guadagnando spazi sempre più importanti nei nostri porti integrandosi bene con il traffico merci e alimentando un flusso turistico prezioso per tutto il territorio».