|
Porto di Napoli
20 settembre 2018, Aggiornato alle 12,53
intersped
Informazioni Marittime
Naples Shipping
Armatori

Maersk compra Hamburg, via libera dei CdA

Operazione da 3,7 miliardi di euro. La compagnia danese salirà a quasi un quinto del mercato del trasporto container


Sarà un'acquisizione da 3,7 miliardi di euro quella della compagnia tedesca Hamburg Sud da parte della primaria danese Maersk Line. I rispettivi consigli di amministrazione (per Hamburg il gruppo Oetker che la controlla dal 2016) hanno dato il via libera ad un articolato processo già arrivato a buon punto dopo l'annuncio di dicembre scorso della Maersk, l'accordo tra le parti di marzo scorso e l'approvazione delle autorità garanti della concorrenza statunitensi ed europee. Con l'ok dei due CdA sono stati chiariti alcuni punti riguardanti l'operazione finanziaria e armatoriale.

I 3,7 miliardi saranno finanziati da un pool di banche (syndicated loan facility). Maersk ed Hamburg combinate insieme, secondo i calcoli degli investitori, genereranno una sinergia operativa tra i 350 e i 400 milioni di dollari l'anno per i primi due anni. Maersk salirà a quasi un quinto della quota mondiale di trasporto container, dal 16 per cento attuale al 18,7 (sommando i 3,3 milioni di teu della sua flotta con i 600 mila della tedesca). Hamburg «rimarrà sotto la propria gestione e con la piena responsabilità del marchio», fa sapere Maersk. La sede ad Amburgo verrà data in gestione per un periodo di cinque anni e la compagnia danese ha detto di impegnarsi «a mantenere la presenza» dell'armatore tedesco nella sua città. Da questa acquisizione Maersk, al netto dell'indebitamento, beneficerà di tanti vantaggi operativi. Le flotte sommate insieme danno 743 portacontainer ma bisognerà vedere nel gioco delle dismissioni e cessioni cosa resterà. Piuttosto l'armatore danese vedrà crescere le toccate dirette tra i porti, i tempi di transito miglioreranno, diminuirà la necessità del trasbordo e il portafoglio di Apm Terminals, il "terminalista" di Maersk Line, godrà di maggiori volumi soprattutto in America Latina. 

L'amministratore delegato di Maersk Line, Soren Skou, considera il costo dell'acquisizione equo. «Mantenendo separata la gestione – commenta - limiteremo i rischi e le spese di transazione e integrazione, pur essendo in sinergia operativa». Un «valore sostanziale» che secondo Skou si concretizzerà dal 2019. «Vediamo l'acquisizione come uno sviluppo naturale e siamo convinti che Hamburg Sud prospererà e manterrà non solo i servizi ai clienti ma anche un futuro ai propri dipendenti», afferma Ottmar Gast, presidente del consiglio esecutivo di Hamburg Sud.

Torna su