|
napoli 2
25 settembre 2020, Aggiornato alle 17,23
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

L'ambasciatore Usa visita il porto di Gioia Tauro

Il diplomatico statunitense, John Philips, era accompagnato dal console generale degli Usa a Napoli, Mary Allen Countryman


L'ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, John Philips, e il console generale degli Usa a Napoli, Mary Allen Countryman, hanno fatto visita ieri al porto di Gioia Tauro. Al loro arrivo sono stati accolti dal commissario straordinario, Andrea Agostinelli, e dal segretario generale Saverio Spatafora, che hanno fatto gli onori di casa.


Agostinelli ha illustrato le attività dello scalo, primo porto italiano di transhipment all'interno dei circuiti internazionali del Mediterraneo. "Si tratta - ha detto il commissario straordinario - di un porto importante per lo sviluppo economico della Calabria e del Mezzogiorno. Al fine di migliorare e sostenere il suo ulteriore sviluppo siamo fermamente impegnati nell'avvio di una programmazione infrastrutturale articolata, che si sviluppa in diverse attività. Tra queste, di strategica rilevanza sono il Gateway ferroviario e il bacino di carenaggio, importanti per rafforzare il nostro porto quale hub di riferimento del Mediterraneo. Del resto – ha aggiunto Agostinelli - questo ente sta per trasformarsi nella più importante Autorità di Sistema del nostro Paese".


L'incontro si è concluso con un tour lungo il canale portuale, a bordo di una motovedetta della Direzione Marittima della Calabria, con l'obiettivo di far conoscere da vicino l'infrastruttura portuale. Alla riunione hanno preso parte, anche, il direttore marittimo della Calabria e della Basilicata Tirrenica, Giancarlo Russo, e il comandante della Capitaneria di Porto di Gioia Tauro, Francesco Chirico.

Nella foto (da sinistra), John Philips, Andrea Agostinelli, Mary Allen Countryman e Giancarlo Russo