|
napoli 2
24 ottobre 2020, Aggiornato alle 12,38
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

La Consulta: l'Autorità portuale dello Stretto è legittima

Rigettato il ricorso della Regione Calabria, che sollevava dubbi sulla convivenza dei suoi porti con quello di Messina. Per la Consulta lo Stretto è omogeneo, a vocazione passeggeri

Lo Stretto di Messina

L'Autorità di sistema portuale dello Stretto è legittima. L'esistenza dell'ente nato nel 2018 (e operativo dal 2019) che gestisce i porti di Messina, Villa San Giovanni, Milazzo e Reggio Calabria, «non comporta problemi di leale collaborazione con le Regioni», ovvero Calabria e Sicilia. Lo ha stabilito la Corte Costizionale con sentenza del 9 ottobre.

Come il sistema portuale di La Spezia - che vede coinvolte Toscana e Liguria -, quello che fa capo a Messina è interregionale, includendo Sicilia e Calabria. Quest'ultima a febbraio 2019 ha fatto ricorso all'organo di garanzia contestando la legittimità costituzionale dell'Autorità di sistema portuale dello Stretto. 

Il principio alla base è semplice. Se il traffico da gestire è omogeneo, cioè si rifa a una direttrice principale, non possono esserci conflitti particolari. Nel caso dello Stretto, la merce principale sono i passeggeri. La Corte Costituzionale riconduce l'organizzaizone delle autorità di sistema portuale agli enti pubblici nazionale e ai principi in materia di porti e aeroporti civili «al fine di valorizzare le peculiarità dello Stretto e dei relativi porti, accomunati dalla prevalente vocazione al traffico passeggeri», scrive la Consulta. La sentenza fa scuola perché in futuro, quando si dovranno fare altri enti simili che condividono più Regioni, si avranno meno remore, ovviamente nel rispetto delle indicazioni del legislatore.

Infine, legittima è anche un'autorità di sistema portuale con una Zona economica speciale (Zes) interregionale. «Non si può infatti sostenere, come fa invece la regione Calabria - scrive il legislatore statale - che l'unica soluzione costituzionalmente legittima sia la coincidenza tra le circoscrizioni territoriali dell'Autorità di sistema portuale e quelle della ZES, poiché il legislatore ha regolato  espressamente i casi in cui taluni dei porti inclusi nell'area della ZES rientrino nella competenza territoriale di un'Autorità con sede in altra Regione, come appunto nella fattispecie».

Tag: porti