|
adsp napoli 1
26 febbraio 2024, Aggiornato alle 19,02
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Investimenti esteri e servizi, Parlamento Ue avvia una nuova strategia portuale

Il Parlamento europeo ha approvato il rapporto Berendsen, che mira a rivedere lo screening degli investimenti e ad armonizzare una miriade di regolamenti

(MinaLegend/Flickr)

Mercoledì scorso il Parlamento europeo ha adottato ufficialmente il rapporto Berendsen, un rapporto di iniziativa sulla "costruzione di una strategia portuale europea globale". I voti favorevoli sono stati 585 favorevoli, quelli contrari 21 e quelli astenuti 26.

I porti commerciali più importanti sono necessariamente collegati tra loro. Tendono a creare una rete di collegamenti la quale a sua volta è collegata a una rete terrestre di collegamenti. Se sulle coste ci sono i porti, nell'entroterra ci sono gli hub logistici, gli interporti, e tanti camion che girano per le strade portando la merce in tutti questi posti. L'intenzione del Parlamento Ue è quella di rendere questa complessa rete, la catena logistica, sempre più interdipendente e solida, capace di agire come un unico sistema che risponda sempre di più agli interessi europei, piuttosto che al solo singolo stato in cui si trova il singolo porto o il singolo centro logistico.

Concretamente, una delle azioni più importanti che potrebbe avviare il rapporto Berendsen è la revisione dell'attuale regolamento sugli investimenti diretti esteri, sollecitato da tempo dagli operatori portuali. La revisione dovrebbe essere pubblicata dal Parlamento Ue la prossima settimana e dovrebbe portare a obbligare tutti gli Stati membri dell'Ue ad attuare un sistema di screening degli investimenti esteri diretti e ad effettuare i controlli in modo più armonizzato.

Altre novità del rapporto Berendsen è il sostegno per il ruolo dei porti nella transizione energetica, in particolare in termini di sviluppo delle infrastrutture per l'idrogeno nei porti e di accelerazione delle procedure di autorizzazione. Si chiede inoltre di evitare la rilocalizzazione delle emissioni di carbonio e delle imprese, evitando oneri amministrativi eccessivi, potenziando i collegamenti con l'hinterland da e verso i porti, nonché fornendo dotazioni portuali dedicate nell'ambito del meccanismo per collegare l'Europa.

Infine, i porti in Europa stanno lavorando a molte iniziative legislative (in particolare dal 2017): il regolamento sui servizi portuali, la revisione del regolamento generale di esenzione per categoria, il regolamento sugli investimenti diretti esteri, il regolamento sui sussidi esteri distorcenti, a una Direttiva sulla Sicurezza, a il Regolamento sulle Entità Critiche e i pertinenti pilastri del Pacchetto Fit for 55.

L'European Sea Ports Organization (ESPO) accoglie «con grande favore» il riconoscimento e il sostegno del Parlamento al ruolo strategico e vitale che i porti europei svolgono per la società e l'economia europee . ESPO spiega che il testo votato dimostra anche una buona comprensione delle sfide che i porti si trovano ad affrontare e degli elevati bisogni di investimenti che i porti devono essere in grado di svolgere il ruolo più globale e critico che hanno oggi.

Oltre ad essere le porte dell'Unione verso il mondo, nodi logistici e cluster industriali, i porti europei sono centri energetici. Com'è stato dimostrato negli ultimi anni, dalla pandemia in poi, i porti svolgono un ruolo fondamentale nel garantire la sicurezza energetica dell'Europa e sono allo stesso tempo facilitatori e persino acceleratori della transizione energetica. I porti hanno bisogno di grandi investimenti pubblici e privati ​​per assumersi tutte queste responsabilità e continuare a svilupparsi.

Nell'odierno contesto geoeconomico e geopolitico, è chiaro che il ruolo strategico dei porti sta diventando sempre più importante. L'Europa ha bisogno di porti forti e di solide catene di approvvigionamento al suo interno . ESPO sostiene quindi la richiesta del Parlamento di armonizzare ulteriormente le misure per rafforzare la resilienza e la protezione delle infrastrutture critiche europee, compresi i porti. A tale riguardo, i porti attendono «con ansia» la proposta di revisione dell'attuale regolamento sugli investimenti diretti esteri , che dovrebbe essere pubblicata la prossima settimana. Per ESPO, questa revisione dovrebbe obbligare tutti gli Stati membri dell'UE ad attuare un sistema di screening degli investimenti esteri diretti e ad effettuare i controlli in modo più armonizzato. Ciò deve migliorare la necessaria parità di condizioni in Europa e contribuire a una maggiore certezza giuridica per i potenziali investitori che intendono investire nei porti europei. ESPO accoglie con grande favore il fatto che il rapporto sottolinei l'importanza di un clima di investimento più stabile e di prevedibilità nelle valutazioni degli investimenti.

Nel complesso, ESPO ritiene che questo rapporto dovrebbe aprire la strada a un approccio che garantisca un giusto equilibrio tra il rafforzamento della sicurezza e della competitività dell'Europa da un lato e la salvaguardia di un commercio aperto e di un ambiente attraente per gli investimenti e la resilienza di catene di approvvigionamento forti che sono vitali per la società europea ed economia dall'altro.

Isabelle Ryckbost, segretaria generale dell'ESPO, afferma che «questa relazione del Parlamento è un documento forte. Arriva al momento giusto. I porti in Europa sono in transizione. Sia nel loro ruolo tradizionale di porte d'accesso al commercio e snodi nelle catene di approvvigionamento, sia nel loro nuovo ruolo di facilitatori delle importanti transizioni europee, i porti stanno svolgendo un ruolo sempre più strategico e critico. Ciò può essere sostenibile solo se esiste una politica di sostegno che sia stabile, fornisca certezza e aiuti i porti a rimanere competitivi, anche nei confronti dei porti extraeuropei. Per noi, sostenere e consentire ai porti di mantenere il loro importante ruolo, di prepararsi e "costruire" per i loro nuovi ruoli nel raggiungimento delle ambizioni dell'Europa è la migliore strategia portuale possibile».