|
adsp napoli 1
03 ottobre 2022, Aggiornato alle 18,36
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Cultura

Il relitto della Endurance è stato trovato

A tre chilometri di profondità, in ottimo stato. Lo annuncia il Falkland Maritime Heritage Trust, ritrovando un monumento a una spedizione antartica fallita ma senza vittime

La Endurance fotografata dalla spedizione Endurance22 (Falklands Maritime Heritage Trust/National Geographic)

L'Endurance, la nave utilizzata dall'esploratore britannico Ernest Shackleton per la famosa spedizione in Antartide del 1915, è stata trovata. Lo ha annunciato il Falkland Maritime Heritage Trust che il week end scorso, durande la spedizione Endurance22, ha localizzato il relitto stritolato dal pack nel Mare di Weddell poco tempo dopo l'inizio della spedizione. 

Cento anni dopo la morte di Shackleton, Endurance è stata quindi trovata a una profondità di tre chilometri, all'interno dell'area di ricerca definita dalla squadra di spedizione prima della sua partenza da Cape Town, a circa quattro miglia a Sud della posizione originariamente registrata dal capitano Frank Worsley, membro della spedizione Endurance. 

Il team del Falkland Maritime Heritage Trust ha raggiunto l'area a bordo nave sudafricana per la ricerca e la logistica polare Agulhas II, di proprietà del Dipartimento di silvicoltura, pesca e ambiente del Regno Unito e sotto la guida del capitano Knowledge Bengu, utilizzando i veicoli di ricerca subacquei ibridi Sabertooth di Saab. Il relitto è protetto come sito storico e monumento ai sensi del Trattato sull'Antartide, per assicurare che durante il rilevamento e le riprese non venga toccato o in generale disturbato.

«I nostri obiettivi per Endurance22 erano individuare, rilevare e filmare il relitto, ma anche condurre importanti ricerche scientifiche e condurre un eccezionale programma di sensibilizzazione», spiega Donald Lamont, presidente del Falklans Maritime Heritage Trust. «Questo è di gran lunga il più bel relitto di legno che abbia mai visto», commenta Menun Bound, direttore della spedizione. «È eretto sul fondale – continua - integro e in brillante stato di conservazione. È persino possibile leggere la scritta "Endurance" arcuata a poppa, direttamente sotto il taffrail. Questa scoperta è una pietra miliare nella storia polare». 

L'Endurance non ha mai potuto iniziare la spedizione per cui era stata scelta, essendosi incagliata poco dopo la partenza tra le banchise senza raggiungere mai la terraferma (la spedizione prevedeva l'attraversamento dell'Antartide a terra a piedi per 2,900 chilometri in circa 4 mesi di viaggio). I 28 uomini a bordo non ebbero altra scelta che abbandonare la nave. Dopo mesi trascorsi accampati tra i ghiacci alla deriva verso Nord, il gruppo ha raggiunto tramite le scialuppe di salvataggio la disabitata Elephant Island, vicino le isole Shetland Meridionali. Shackleton e altri cinque membri dell'equipaggio hanno quindi compiuto uno straordinario viaggio di 1,300 chilometri su una di queste scialuppe, la James Caird, per raggiungere la Georgia del Sud. Shackleton e altri due hanno poi attraversato l'isola montuosa fino alla stazione baleniera di Stromness. Da lì, Shackleton è stato in grado di organizzare un salvataggio degli uomini in attesa su Elephant Island e riportarli a casa senza perdere nessuno. 

-
credito immagine in alto

Tag: navi