|
napoli 2
20 ottobre 2020, Aggiornato alle 21,16
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Gruppo Maersk licenzierà duemila dipendenti

Portando a un risparmio di 100 milioni di dollari. Lo annuncia la compagnia danese, spinta da un terzo trimestre sorprendente, superiore alle attese


Dei quasi 30 mila lavoratori coinvolti nel processo di riorganizzazione societaria del gruppo Ap Moller-Maersk resi noti a settembre, sono circa 2 mila al momento quelli che verranno licenziati. Lo comunica la compagnia armatoriale danese nell'anticipare il bilancio del terzo trimestre (quarter 3-Q3) di quest'anno.

«Ap Moller-Maersk è sulla buona strada per un forte Q3, con una solida crescita degli utili, in particolare quelli Ocean and Logistics& Services. I volumi sono rimbalzati più del previsto», ha detto l'amministratore delegato del gruppo, Soren Skou, che ha spiegato come le tariffe di trasporto siano aumentate negli ultimi mesi a causa della forte domanda.

Il fatturato di luglio-settembre sarà intorno ai 9,9 miliardi di dollari, con un EBITDA di 2,4 miliardi. I volumi di trasporto sono calati del 3 per cento, sempre nel terzo trimestre. Per il 2020 l'EBITDA dovrebbe essere tra i 7,5 e gli 8 miliardi.

Il licenziamento di 2 mila persone porterà a benefici diretti (costo del lavoro) per circa 100 milioni di dollari.

Per il 2021 gli orizzonti sono incerti. Oltre al fatto che la pandemia è lungi dall'essere debellata (è probabile che ci vorranno anni prima di superarla del tutto), c'è inoltre il rischio concreto, da qui a breve termine, di nuovi lockdown.

Tag: maersk - lavoro