|
napoli 2
10 agosto 2020, Aggiornato alle 19,36
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Cultura

Gozzo napoletano-flegreo riconosciuto patrimonio immateriale della Campania

La Regione ha accolto, in base ai principi stabiliti dalla Convenzione Unesco, la proposta del comune di Monte di Procida e dell'associazione "Vela Latina"


Con un decreto ad hoc, il numero 239, la Regione Campania ha riconosciuto, in base ai principi stabiliti dalla Convenzione Unesco, "il sapere ed abilità della marineria flegrea inerenti la costruzione, la manutenzione e l'utilizzo del gozzo napoletano-flegreo a remi e a vela latina". La candidatura, spiega Pasquale Raicaldo su Repubblica, era stata proposta dall'amministrazione comunale di Monte di Procida, insieme con l'associazione "Vela Latina", che da anni portano avanti attente attività di valorizzazione del gozzo e della navigazione tradizionale. 

La documentazione, arricchita dalle tante iniziative di cui Vela Latina Monte di Procida è stata protagonista con le sue imbarcazioni e l'attivismo dei suoi soci, presentata a nome dell'intera comunità, è stata considerata pienamente in linea con i valori della Convenzione Unesco e della protezione dei beni culturali.

Ma cos'è un "patrimonio immateriale"? Dal 2003, precisa la testata Qui Campi Flegrei, l'Unesco ha formalizzato l'idea della protezione e promozione del patrimonio immateriale mondiale, inteso come l'insieme di beni immateriali, che per rilievo storico, tradizionale ed estetico sono di interesse pubblico e rappresentano la ricchezza specifica di un luogo, al quale sono esclusivamente riconducibili.
 

Tag: marittimi