|
napoli 2
28 maggio 2020, Aggiornato alle 11,20
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1

Governo depenna tassa sui container

Avrebbe finanziato il potenziamento tecnologico dell'Agenzia delle Dogane. Dopo le proteste della categoria e del ministero dei Trasporti, Commissione Bilancio Camera elimina il contributo unificato

(Geodis)

Dopo il no delle associazioni di categoria, e del ministro dei Trasporti, la Commissione Bilancio della Camera ha depennato la famigerata "tassa sui container", un contributo unificato inserito con un emendamento al decreto fiscate approvato nei giorni scorsi dalla Commissione Finanze della Camera.

L'imposizione fiscale che non è piaciuta affatto agli operatori della logistica prevedeva un prelievo su tutti i container sbarcati e imbarcati nei porti dello Stato, anche vuoti. Il contributo sarebbe servito a finanziare il potenziamento dei controlli doganali attraverso l'acquisto, da parte dell'Agenzia delle Dogane e dei monopoli, di strumenti ad alta tecnologia per rilevare import-export vietati. Il nuovo contributo unificato avrebbe dovuto coprire costi per 75 milioni per il primo anno e 150 milioni a regime. 

«È un provvedimento che andava assolutamente rimosso per il bene della portualità e del trasporto delle merci del Paese», affermano i segretari nazionali della Filt-Cgil Natale Colombo e Michele De Rose. «Bene la marcia indietro sulla tassa sui container, avvenuta grazie anche al fatto che Federlogistica-Conftrasporto ha segnalato tempestivamente la cosa. Quello che è accaduto è stato comunque un campanello d'allarme», ha commentato il presidente di Federlogistica-Conftrasporto, Luigi Merlo.

-
credito immagine in alto

Tag: container - dogane