|
Porto di Napoli
15 dicembre 2018, Aggiornato alle 12,25
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Infrastrutture

Genova, Fincantieri, San Giorgio e Amico in corsa per l'Ente Bacini

C'è solo una cordata in gara per il bando di gestione di 25 anni da 32 milioni di investimenti


È una cordata di tre pezzi grossi della cantieristica a farsi avanti per la gestione di Ente Bacini, la società che gestisce i cinque bacini di carenaggio del porto di Genova gestita dall'Autorità di sistema portuale (Adsp) della Liguria occidentale. Fincantieri, San Giorgio del Porto e amico & Co., tutti insieme, sono gli unici ad essersi fatti avanti – il bando è scaduto lunedì – e rappresentano tutto il know-how possibile: crociere, riparazioni, militare e mega yacht.

I cinque bacini sono considerati un unico lotto (alcuni di questi si sono occupati della demolizione della Costa Concordia, foto in alto). La gara, lanciata a febbraio dall'Adsp ligure, prevede 25 anni di concessione, 32 milioni di investimenti e un contratto da 187 milioni che chiede di mantenere il personale attuale. Dei 32 milioni, 11 sono a carico del gestore, il resto tramite finanziamenti pubblici.