|
Porto di Napoli
16 novembre 2018, Aggiornato alle 11,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Infrastrutture

Genova lancia gara per privatizzare i bacini

Scade a maggio. 5 bacini da gestire come un'unica struttura. Investimenti per 30 milioni


Sulla Gazzetta ufficiale europea è stato pubblicato il bando per la privatizzazione dei bacini di carenaggio del porto di Genova. Lo rende noto Ship 2 Shore.

Le vasche sono in tutto 5 e fanno capo alla società pubblica Ente Bacini, controllata dall'Autorità di sistema portuale (Adsp) del mar Ligure Occidentale, che li affida periodicamente. Ad agosto dell'anno scorso sono state perfezionate le linee guida del bando delineate dal Comitato di gestione dell'Adsp. 25 anni di concessione, l'Adsp ha calcolato investimenti per 32 milioni (il contratto vale 187 milioni) e chiede l'impegno di mantenere, riassumendolo, lo stesso personale. Di questi 32 milioni, 11 saranno a carico di chi li gestirà, il resto garantiti con finanziamenti pubblici.

I cinque bacini vanno visti come un'unica struttura visto che il bando è costituito da un unico lotto. «La gestione unitaria dei bacini – si legge nel bando - consente lo sfruttamento di economie di scopo e di scala (anche in termini di servizi comuni) altrimenti non realizzabili, oltre a consentire il raggiungimento dell'equilibrio economico in caso di eventuale crisi di uno dei segmenti serviti, anche ricorrendo alla flessibilità nell'utilizzo degli impianti». La scadenza è il 21 maggio.