|
napoli
21 marzo 2019, Aggiornato alle 09,24
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat
Armatori

Confitarma chiede alle banche il sostegno alla flotta

Secondo e ultimo incontro, in una settimana, tra l'associazione armatoriale e quella delle banche italiane


Secondo appuntamento tra Confitarma e le banche italiane per discutere del rapporto tra le compagnie marittime e i finanziamenti. Dopo l'incontro di lunedì scorso, appuntamento a Roma venerdì per un vertice che ha fatto il punto della situazione. «Il proficuo rapporto tra industria armatoriale e mondo bancario italiano è stato ancora una volta confermato», sottolinea l'associazione in una nota la quale ha incontrato i rappresentanti dell'Associazione bancaria italiana (Abi).

Erano presenti, per Confitarma Mario Mattioli, presidente; Fabrizio Vettosi, vicepresidente Commissione Finanza e Diritto d'Impresa; Paolo Cagnoni, membro del comitato esecutivo; Luca Sisto, direttore generale, e Marco Quadrani, Capo servizio Finanza e Tributi. Per Abi c'erano Gianfranco Torriero, vicedirettore generale; Raffaele Rinaldi, responsabile dell'Ufficio Credito e Sviluppo. Presenti anche altri rappresentanti del mondo bancario.

Nel corso della riunione è stato ribadito che, in questa delicata fase economica, è interesse comune sostenere la bandiera italiana e preservare per quanto possibile l'integrità delle imprese armatoriali evitando di disperdere un importante patrimonio culturale, professionalità e occupazione con inevitabili ricadute negative sul territorio nazionale ed impatti sui piani di ristrutturazione finanziaria in corso. In quest'ottica, anche al mondo bancario Confitarma chiede di sostenere il Registro internazionale nel suo impianto normativo attuale che da venti anni risulta essere uno strumento fondamentale per la competitività della flotta mercantile italiana.

È stata poi riaffermata la necessità che, nell'ambito della propria autonomia e delle specifiche responsabilità, si possa lavorare insieme per individuare eventuali soluzioni di comune interesse riguardo la gestione dei crediti deteriorati, in linea con l'obiettivo di valorizzare il patrimonio armatoriale del nostro Paese.

L'occasione è stata utile anche per una valutazione generale delle nuove regole sull'assorbimento di capitale per le banche (regolamento Ue 575/2013), nonché sulla prospettata introduzione da parte degli organismi regolamentari di un nuovo parametro nella fase di valutazione del credito, il social and green supporting factor.