|
napoli 2
07 luglio 2020, Aggiornato alle 14,09
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Camera approva emendamento Cociancich

È quello che limita i benefici fiscali del Registro internazionale a chi imbarca solo equipaggio comunitario. Martedì vertice al ministero dei Trasporti


Approvato dal Senato a maggio, l'emendamento "Cociancich" alla legge europea 2015 (ddl 2228), è stato approvato ieri anche dalla Camera. È la norma che applica «disposizioni per l'ademplimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alla Ue», limitando i benefici fiscali del Registro internazionale alle sole navi che imbarcano in via esclusiva equipaggi italiani o comunitari. 
Ddl 2228, 
Modifiche al regime di determinazione 
della base imponibile per alcune imprese 
marittime
: «per quanto attiene alle navi traghetto ro-ro e ro-ro pax adibite a traffici commerciali tra porti appartenenti al territorio nazionale, continentale e/o insulare, anche a seguito o in precedenza di un viaggio proveniente da o diretto verso un altro Stato, attribuzione dei benefici fiscali e degli sgravi contributivi di cui agli articoli 4 e 6 della Legge 27 febbraio 1998 n. 30 ed all'articolo 157 del DPR 22 dicembre 1986 n. 917 alle sole imprese che imbarcano sulle stesse escludivamente personale italiano o comunitario».

Trattandosi di una legge delega, l'iter parlamentare non è ancora terminato. Martedì è previsto un meeting al ministero dei Trasporti per approvare definitivamente la norma entro il 31 luglio.

È un emendamento criticato duramente da Confitarma (e giudicato positivamente dai sindacati), in quanto secondo l'associazione armatoriale mette a rischio l'occupazione dei marittimi, costringendo gli armatori alla delocalizzazione. È oggetto di scontro tra gli armatori napoletani Emanuele Grimaldi e Vincenzo Onorato, diretti concorrenti nei collegamenti insulari tra terraferma e Sardegna.