|
adsp napoli 1
16 luglio 2024, Aggiornato alle 19,41
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Cultura - Infrastrutture

Automazione e digitalizzazione, presentato il rapporto sulle trasformazioni del lavoro portuale

Il documento elaborato dall'Accademia Italiana della Marina Mercantile di Genova in collaborazione con le AdSP e le principali sigle sindacali

(Ph: World Bank.org)

Accademia Italiana della Marina Mercantile, fondazione ITS con sede a Genova, impegnata sul fronte della formazione specializzata nel mondo della logistica e del mare, è stata il centro nevralgico del nuovo rapporto sul lavoro portuale, svolto in accordo con l'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, l'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale, e principali sigle sindacali. Il rapporto, presentato negli spazi di Bi.Bi.Service di via XX Settembre, a Genova, è stata anche l'occasione di toccare i tanti temi legati allo sviluppo del lavoro marittimo e portuale, oggi più che mai legato alle dinamiche di efficientamento energetico, digitalizzazione e automazione di de-terminati servizi.

Il rapporto integra le risposte del questionario somministrato alle centinaia di lavoratori e lavoratrici degli scali controllati dalle due AdSP liguri (comprendenti anche il porto toscano di Marina di Carrara), che fotografano un momento storico di estremo interesse per gli enti preposti alla formazione e alla gestione delle figure professionali nell'ambito portuale.  

Paola Vidotto, direttore generale dell'Accademia Italiana della Marina Mercantie, spiega che "il la-voro svolto in collaborazione con le due AdSP, commissionato dalle stesse, è un primo passo a livel-lo nazionale per comprendere in maniera approfondita e precisa il sentimento di chi è impegnato in questo settore professionale. Oltre a fornire le competenze necessarie a tutti i giovani che si iscrivono ai nostri corsi ITS, è necessario che il mondo della formazione sia di supporto anche a chi ha raggiunto un'età lontana dalla pensione, ma ormai matura, perché non sia soppiantato dagli strumenti tecnologici. È quindi di grande importanza che tutti siano coinvolti nel processo di transizione, perché solo lavorando tutti insieme è possibile arrivare a innovare il settore senza avere ricadute negative sul lavoro".