|
Porto di Napoli
12 dicembre 2018, Aggiornato alle 16,31
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Politiche marittime

Artico, Ue chiede norme più severe per salvare l'ecosistema

Con lo scioglimento della calotta polare si aprono nuove rotte di navigazione, ma aumentano i rischi per l'ambiente


La scorsa settimana il Parlamento Europeo ha approvato a larga maggioranza (483 sì, 100 no e 37 astensioni) una risoluzione non vincolante con cui si chiedono norme per salvaguardare l'ecosistema dell'Artico evidenziando che i cambiamenti climatici stanno creando nuovi problemi ambientali e di sicurezza, dato che con lo scioglimento della calotta artica si aprono nuove rotte di navigazione e nuove zone di pesca e aumenta la competizione per le sue risorse naturali.

I deputati, riferisce l'Agenda Confitarma, evidenziano che l'Artico si sta riscaldando a velocità doppia rispetto alla media mondiale e che il mare ghiacciato è diminuito in maniera significativa, al punto da essere circa il 40% più piccolo rispetto all'estate di 35 anni fa. Oltre a ribadire che "il vulnerabile ambiente artico e i diritti fondamentali dei popoli indigeni devono essere rispettati e protetti con salvaguardie più rigorose", i deputati chiedono di vietare trivellazioni petrolifere nelle acque ghiacciate artiche dell'Ue e del SEE (Spazio economico europeo) e di bloccare l'uso di olio combustibile nei trasporti marittimi nel Mar Artico.

Se ciò non fosse possibile, la Commissione dovrebbe creare delle norme che proibiscano l'uso e il trasporto di olio combustibile (HFO) su navi dirette verso i porti dell'Ue. I deputati evidenziano la crescente presenza di forze armate russe nell'Artico, che dal 2015 "hanno fondato almeno 6 nuove basi a nord del Circolo Polare Artico, inclusi 6 porti in acque profonde e 13 aerodromi". Inoltre, è crescente l'interesse della Cina per nuove rotte commerciali e risorse energetiche.