|
napoli 2
27 settembre 2021, Aggiornato alle 13,33
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Cultura

Al porto di Cagliari nasce il Parco del Nervi

Apre al pubblico l'ex area industriale riqualificata. Due ettari di verde e ciclabile lungo il canale San Bartolomeo, fino alle saline di Molentargius. In futuro una call internazionale per la gestione di un centro polifunzionale

Massimo Deiana, presidente dei porti sardi, e il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu

Un'area verde attrezzata sul lungomare con percorsi pedonali, ciclabili e naturalistici, recuperando una vecchia area iundustriale dell'area portuale di Cagliari. Con il taglio del nastro di venerdì – da parte  del presidente dei porti della Sardegna, Massimo Deiana, e del sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu – è stato inaugurato il nuovo parco che circonda il Capannone Nervi, battezzato "Parco del Nervi". Aprono al pubblico due ettari  di compendio, risalenti agli anni Cinquanta per lo stoccaggio del sale e non utilizzati dagli anni Ottanta, su un progetto dell'ingegnere Pierluigi Nervi. Un parco che corre lungo il canale San Bartolomeo fino alle saline di Molentargius. Un primo passo verso una valorizzazione dell'intero plesso industriale.

L'obiettivo dell'Autorità di sistema portuale, di concerto con il Comune di Cagliari, è di avviare una gara internazionale per individuare un gestore di un'area che nel tempo dovrebbe articolarsi sempre di più. «Nel frattempo – spiega Deiana - con il via libera del Comitato di gestione del 28 luglio scorso, indiremo a breve una procedura ad evidenza pubblica per l'assentimento in concessione di una struttura ubicata all'interno del parco da adibire a punto di ristoro. Un'importante attività commerciale che riporta nuova vitalità sociale ed imprenditoriale ad un'area per troppo tempo abbandonata e alla quale, oggi, restituiamo il giusto valore».   

Nuovi spazi per il tempo libero, lo sport, i percorsi naturalistici e didattici su una banchina appena risistemata che in futuro potrà ispitare piccole imbarcazioni a impatto zero. La riqualificazione è costata circa 5 milioni di euro. È stato consolidato l'ex deposito e la banchina che si affaccia sul primo tratto del canale San Bartolomeo (commissionati all'impresa di Costruzioni Mentucci Aldo di Senigallia), dove la prossima settimana inizieranno i lavori di approfondimento; è stato recuperato il corpo scala e della struttura in ferro del carroponte (Impresa Imprendo Italia di Roma); sistemata una gru (Impresa Nuova Icom di Assemini), realizzata una passeggiata lungo la banchina, piantato alberi e prati (Impresa Aurelio Porcu di Cagliari); costruiti sottoservizi (Impresa Diva Srl di Caltanissetta); allestito l'arredo urbano (Consorzio Stabile Marr di Napoli), realizzata una corsia ciclabile e risistemata l'illuminazione. 

Tag: cagliari