|
adsp napoli 1
03 ottobre 2022, Aggiornato alle 18,36
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Cultura

Addio Pasquale, scompare un meraviglioso amico

Il Cap. Pasquale Tramontana, già direttore dell'agenzia Le Navi di Napoli, ci ha lasciati improvvisamente. Nella sua Procida oggi i funerali

Pasquale Tramontana

È improvvisamente venuto a mancare un caro amico, uno tra i più cari. Il Capitano Pasquale Tramontana ci ha lasciati nella notte tra sabato e domenica. Per noi dell'Avvisatore, per me Luciano, era più di un amico, un fratello. Lo piango disperatamente e con un dolore insopportabile. Come descrivere, tracciare un ricordo di Pasquale quando un'amicizia data più di 40 anni? I ricordi si accavallano, uno segue l'altro. Riaffiorano le tante giornate spensierate.

Era un'amicizia di lavoro. Pasquale, una vita al servizio dei traffici container del porto di Napoli, è stato fino a pochi anni fa direttore dell'agenzia marittima Le Navi, figura storica del Gruppo Msc. Poi, la meritata pensione, nella sua amata Procida, anche se continuava una collaborazione con l'agenzia.

Pasquale era una persona perbene. Amato da tutti, conosciutissimo nell'ambiente di lavoro del porto, apprezzato per le sue conoscenze e qualità. Simpatico, a tratti ironico, critico, severo ma sempre corretto ed onesto, Pasquale aveva il dono di dare consigli giusti.

Ci si vedeva per lo più a pranzo. Era un compagno di tavola perfetto. Amava parlare e mangiare bene. Però, ascoltava attentamente quando gli veniva chiesto un aiuto, un commento. A volte una pizza, un piatto di spaghetti durava anche due ore.

"Ciao Luciano, che fai a pranzo? Passa da me alle 12,30, poi mangiamo una cosa assieme". E per me si aprivano un paio d'ore spensierate, rilassate e molto spesso anche interessanti ai fini della mia attività giornalistica. Mi parlava della sua Procida, di Marettimo, dove, a settembre, andava con un gruppo di amici affiatati a caccia con i suoi cani. Ma lì, per lo più, poi diventava un'occasione per cenare in allegria con gli altri amici locali.

Ricordo che una volta mi chiese lui una cortesia. Doveva presentare un progetto pubblico e mi pregò di aiutarlo a stendere il testo. La cosa mi inorgoglì molto: finalmente gli potevo anch'io essere utile. Non finì mai di ringraziarmi. Anche questo era Pasquale.

I ricordi belli e sempre diversi sono infiniti e non potrebbero terminare mai.

Neanche la malattia che l'aveva colpito negli ultimi anni aveva scalfito il suo ottimismo. Ne parlava con naturalezza ma dopo un periodo critico, grazie ad un primario ospedaliero di cui mi spiegava sempre la grandezza, la teneva sotto controllo. "Stavolta festeggeremo nella Capitale, a Procida", mi ha detto in una delle ultime telefonate. Purtroppo, questo non sarà più possibile. Addio caro Pasquale. 

Le onoranze funebri si terranno oggi 5 settembre alle ore 15 a Procida, nel Santuario di San Giuseppe.

La redazione dell'Avvisatore Marittimo di Napoli abbraccia con affetto e tenerezza la moglie Carmela, i figli Emilia e Gianni e tutta la famiglia Tramontana. 

Tag: lutto