|
napoli 2
27 novembre 2020, Aggiornato alle 19,26
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

1,500 tonnellate di boiler dal porto di Marghera

Project cargo assistito da Fagioli e Multiservice. Tre caldaie in plug & play realizzate da Macchi

I boiler imbarcati sulla Dongbang Giant

Nuovo particolare project cargo dal porto di Marghera. Sono salpate stamattina, dirette in Penisola Arabica, tre caldaie modularizzate in modalità plug & play prodotte da Macchi, divisione della Sofinter, società di Gallarate. Partner del project cargo, la Fagioli - società che tra le altre cose sta partecipando alla ricostruzione del ponte Morandi di Genova – e il terminal Multi Service.

Tre gioielli dell'ingegneria e della meccanica dal peso di 510 tonnellate ciascuna, lunghe oltre 23 metri, larghe 13 metri e mezzo e alte oltre 16, destinate a far parte di un impianto petrolifero.

La preparzione all'imbarco, vista la mole in gioco, ha richiesto qualche settimane. La nave che sta trasportando questi tre grossi moduli è la Dongbang Giant, una heavy load carrier sudcoreana specializzata in trasporti eccezionali, come per esempio le gru di banchina.

L'assemblamento delle tre caldaie è avvenuto a Marghera, nello stabilimento di Macchi, operativo dal 2016 per facilitare i trasporti via nave, avvicinando il più possibile al mare la fase di assemblaggio. Ad oggi ha sfornato e fatto imbarcare 35 boiler.