|
napoli 2
17 settembre 2021, Aggiornato alle 09,41
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Yep Med Civitavecchia, terzo incontro per la scuola di logistica

Gli stakeholders pianificano i corsi da tenersi nei porti mediterranei di Barcellona, Marsiglia, Valencia, Tunisi, Damietta, Beirut e Aqaba


Terzo incontro ufficiale con gli stakeholder per il progetto Yep Med, il programma di formazione specializzato in logistica e trasporti finanziato dal programma europeo ENI CBC Med, dopo la firma del memorandum che ha sancito la nascita della comunità logistica portuale di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta.

Obiettivo principale, quello dello sviluppo e della crescita economica di settori in continua evoluzione quali la logistica e l'intermodalità, da attuarsi attraverso percorsi di formazione professionale altamente specialistici che vedono coinvolti Paesi delle sponde Nord e Sud del Mediterraneo, rappresentati dalle Autorità Portuali di Barcellona, Marsiglia, Valencia, Tunisi, Damietta, Aqaba oltre che dalla Camera di Commercio di Beirut e dalla  Escola Europea – Intermodal Transport, protagonisti, insieme all'AdSP del Mar Tirreno Centro Settentrionale, del progetto europeo.  

Nel corso dell'incontro sono stati presentati i vari step progettuali che attendono la community portuale nei prossimi mesi, come spiega il presidente dell'Autorità di sistema portuale del Tirreno Centro Setttentrionale, Pino Musolino: «Grazie all'impegno di tutti i partner del progetto e al coinvolgimento e alla partecipazione della community portuale stiamo procedendo con entusiasmo nella giusta direzione.  Per lo sviluppo del porto, delle sue imprese e del territorio tutto, la parola chiave oggi è innovare, e lo si può fare contribuendo a sviluppare, attraverso la formazione, la professionalità e le competenze di ogni singolo operatore del porto. Oggi più che mai è fondamentale stare al passo con l'evoluzione imposta dallo shipping e dalla logistica e dai processi sempre più informatizzati e digitalizzati. Anche a causa del Covid abbiamo dovuto reindirizzare il progetto YEP MED verso metodi innovativi e quindi verso una modalità chiamata "impresa simulata", grazie alla quale nei prossimi mesi i ragazzi coinvolti, con l'ausilio di un tool chiamato click&cargo, saranno catapultati nell'esperienza in azienda, sperimentando, in un'accezione moderna, le varie pratiche d'impresa. Subito dopo l'estate, inoltre, presenteremo il nuovo calendario dei corsi di "occupational training" e definiremo il project work, della durata di 200 ore, cui i corsisti parteciperanno in collaborazione con le imprese del settore logistico-portuale. Imprese che ringrazio perché hanno e stanno dimostrando sempre più interesse e attenzione in un progetto che contribuirà a migliorare l'efficienza e la competitività dei Porti di Roma e del Lazio e dell'intero cluster portuale».