|
adsp napoli 1
04 ottobre 2022, Aggiornato alle 11,35
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Yacht, Ferretti non prevede significative conseguenze dalla guerra Russia-Ucraina

Il gruppo ha un'esposizione di mercato di appena il 3 per cento in Russia, su un portafoglio ordini di 1,27 miliardi di euro

(AMGW Agency/Flickr)

Nonostante la situazione critica sul fronte geopolitico causata dallo scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina, Ferretti Group ha diramato un comunicato in cui afferma che «non prevede significative conseguenze per il proprio volume d'affari». La Russia, dopo gli Stati Uniti, è il secondo cliente di superyacht per l'Italia ed è prevedibile che il mercato subirà un contraccolpo, anche se al momento è attendista.

Forte di un portafoglio ordini al 28 febbraio scorso di 1,27 miliardi di euro, e di una raccolta ordini dei primi due mesi dell'anno di 308 milioni, il gruppo Ferretti, presente in oltre 70 Paesi al mondo, ha un'esposizione in termine di ricavi inferiore al 3 per cento verso le aree geografiche attualmente coinvolte nel conflitto. Ferretti Group non è infatti esposto sul segmento dei superyacht, quelli con i clienti maggiori residenti in Russia, cioè la cosiddetta oligarchia, colpita in questi giorni da sanzioni internazionali e sequestri di imbarcazioni. Inoltre, al gruppo ad oggi «non risultano vendite a soggetti destinatari di tali provvedimenti».

«L'azienda - conclude il comunicato - sta monitorando continuamente l'evoluzione del mercato mitigando qualunque rischio grazie al proprio modello distributivo che prevede pagamento a stato d'avanzamento delle costruzioni e potendo sempre ricollocare yacht seriali e semi-seriali in virtù delle liste d'attesa esistenti su quasi tutti i modelli in gamma».

Tag: ferretti - yacht