|
napoli 2
27 novembre 2021, Aggiornato alle 09,59
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Wartsila produrrà i primi scrubber per le navi Trasmed-Grimaldi

Commessa su due ro-ro, Volcan del Teide e Ciudad de Granada, per installare i filtri che riducono zolfo e particolato. Morace: "Entro il 2022 su tutta la flotta. Uno sforzo enorme"

Scrubber in fase di installazione (wartsila.com)

Sarà Wartsila a produrre gli scrubber per le navi di Trasmed, acquisita quest'estate dal gruppo Euromed Grimaldi. Lo rende noto la società finlandese dei propulsori navali, che ha incamerato una commessa pochi giorni fa per due navi e ci si aspetta che verrà in futuro estesa anche a tutte le altre della compagnia spagnola che opera nelle Baleari.

La società finlandese produrrà ed installerà entro l'anno prossimo i filtri per l'abbattimento del particolato su due navi ro-ro, la Volcan del Teide e la Ciudad de Granada, operative nel Mediterraneo. Quattro scrubber a circuito aperto I-SOx per nave, uno per motore principale, con sistemi di scarico della condensa.

Sono filtri che riducono in questo caso fino allo 0,1 per cento il tenore di zolfo emesso dai fumaioli delle navi, limiti inferiori a quelli massimo consentiti nel Mediterraneo, il cui limite è lo 0,5 per cento.

L'amministratore delegato di Trasmed, Ettore morace, spiega che «tutta la flotta avrà gli scrubber installati prima della prossima estate 2022. Questo sarà un enorme sforzo da parte del nostro ufficio tecnico e conferma il nostro pieno impegno ad essere una compagnia marittima amica dell'ambiente».

«Siamo lieti di vedere Trasmed GLE SL unirsi ai ranghi dei leader marittimi impegnati a rispettare le normative ambientali e ridurre l'impatto delle spedizioni sul pianeta», commenta Sigurd Jenssen, direttore di Wartsila Exhaust Treatment. «Questo annuncio non solo si basa sulla nostra lunga relazione con Grimaldi e le società controllate del Gruppo, ma conferma anche la tendenza più ampia che stiamo osservando nel settore marittimo secondo cui gli armatori stanno investendo in tecnologie di qualità, flessibili e basate sul ciclo di vita per le loro navi, sia in fase di nuova costruzione o come retrofit».

-
credito immagine in alto