|
adsp napoli 1
04 dicembre 2022, Aggiornato alle 10,16
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Verso una politica europea e mediterranea della pesca

Per la prima volta l'Unione europea, il Marocco e l'Algeria, tra gli altri, hanno deciso di istituire cinque piani di gestione pluriennali per mantenere gli stock ittici sostenibili

(Don DeBold/Flickr)

Venerdì scorso, per la prima volta, l'Unione europea e i principali paesi costieri del Mediterraneo hanno deciso di istituire cinque piani di gestione pluriennali (MAPs) basati sui principi della politica comune della pesca. È il risultato della 45esima riunione annuale della Commissione generale per la pesca nel Mediterraneo (CGPM), tenutasi a Tirana, in Albania, dal 7 all'11 novembre.

Grazie agli sforzi congiunti della Commissione, degli Stati membri e di tutti i paesi costieri, la CGPM ha adottato all'unanimità 21 ambiziose misure, 19 delle quali presentate dall'Unione europea, per la gestione e il controllo della pesca, l'acquacoltura e la protezione degli habitat vulnerabili nel Mediterraneo e nel Mar Nero. Inoltre l'Ue sostiene l'attuazione di tutte le misure e la nuova strategia CGPM 2030 mediante una sovvenzione annuale di 8 milioni di euro.

I nuovi piani pluriennali riguarderanno le principali sottoregioni mediterranee: il Mare di Alboran nel Mar Mediterraneo occidentale, lo Stretto di Sicilia, il Mar Ionio e il Mare di Levante. I piani contribuiranno a intensificare gli sforzi per ridurre la pesca eccessiva e migliorare lo stato degli stock ittici nel bacino marittimo, oltre a rafforzare il quadro giuridico per lo sfruttamento sostenibile degli stock, al fine di garantire la redditività del settore della pesca e condizioni di parità per le flotte del Mediterraneo.

L'Ue, il Marocco e l'Algeria hanno poi concordato una tabella di marcia per l'istituzione della prima zona di restrizione della pesca condivisa (FRA), la quale contribuirà a sostenere le nuove misure del piano pluriennale di Alboran per la protezione degli stock di occhialone, che si trovano in uno stato critico.

Al fine di garantire la corretta attuazione delle misure di gestione e il controllo delle attività di pesca, la CGPM ha adottato due programmi di ispezione internazionali congiunti nel Canale di Sicilia e nel Mar Ionio e ha deciso di vietare il trasbordo in mare quale strumento essenziale nella lotta contro le attività illegali, non dichiarate e non regolamentate (INN). 

Sulla base di una proposta dell'UE, la CGPM ha deciso di avviare una valutazione del potenziale impatto della modifica dei limiti di profondità delle esistenti restrizioni di pesca stabilite dalla CGPM a profondità inferiori a 1000 m, al fine di eventualmente introdurre restrizioni anche nelle acque più basse . Questa valutazione richiederà l'avanzamento delle conoscenze sulla distribuzione degli ecosistemi marini vulnerabili (VME) , la determinazione dell'impronta della pesca con reti a strascico e le potenziali misure di gestione relative agli attrezzi. C'è anche un accordo per istituire un osservatorio sulle specie non autoctone nel Mediterraneo e nel Mar Nero. Come primo passo, condurrà uno studio pilota sulle specie invasive che minacciano gli ecosistemi marini e le comunità di pescatori locali.

La CGPM ha inoltre deciso di rafforzare le misure di gestione transitorie per l'anguilla europea e il corallo rosso, nonché lo sviluppo di misure per la pesca su piccola scala, essenziali per il sostentamento delle comunità locali.

Infine, il GCFM ha preso una decisione per la gestione della pesca ricreativa, la prima per tale decisione a livello regionale. La gestione della pesca ricreativa è essenziale per una gestione sostenibile della pesca, dato il loro crescente impatto sugli stock.

Ora l'Ue ora recepirà le misure relative alle possibilità di pesca da tutte le decisioni adottate attraverso il regolamento 2023 sulle possibilità di pesca per il Mediterraneo e il Mar Nero che sarà adottato dai ministri della pesca dell'UE a dicembre. Continuerà a collaborare con tutti i paesi rivieraschi della CGPM per l'attuazione delle misure di nuova adozione nell'ambito subregionale dei progetti MedSea4Fish e BlackSea4Fish.

-
credito immagine in alto

Tag: bruxelles - pesca