|
adsp napoli 1
13 aprile 2024, Aggiornato alle 12,00
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Varata Alice Cosulich, small scale bunker a gas

Prima di due gemelle ordinate dalla Fratelli Cosulich, verrà consegnata all'armatore a settembre prossimo

Giulia Cosulich taglia il nastro di Alice Cosulich

Mercoledì scorso, 22 marzo, presso il cantiere navale CIMC SOE di Nantong, in Cina, nella provincia di Hebei, si è svolto il battesimo e il varo di Alice Cosulich, prima di due small scale & bunker vessels destinate alla Fratelli Cosulich. Madrina della nave è stata Giulia Cosulich, ESG corporate director della compagnia marittima. Insieme a lei hanno partecipato all'evento altri colleghi del gruppo, tra cui il direttore generale di Fratelli Cosulich LNG, il direttore di cantiere e la squadra di cantiere. Alice Cosulich navigherà sotto bandiera italiana con al timone il comandante Vincenzo Scotto, presente al battesimo.

La nave (consegna prevista per settembre prossimo) ha una capacità di 5,300 tonnellate di portata lorda, può trasportare 8,200 metri cubi di gas naturale liquefatto e 500 metri cubi di marine gas oil. sarà dotata della tecnologia dual guel di Wartsila, utilizzata in molti sistemi di propulsione marina e di produzione di energia. Le tecniche di trattamento "boil off" più efficienti saranno offerte dall'impianto di sotto-raffreddamento del gas, eliminando completamente qualsiasi potenziale effetto ambientale e riducendo al minimo le perdite di carico. Il sistema di propulsione e manovra sarà di tipo azimutale, con doppia elica di prua, per consentire un'elevata manovrabilità nelle zone portuali. Sarà gestito da personale sia onshore che offshore con ampie capacità di gestione delle navi di questo tipo.

L'investimento è stato sostenuto dalla collaborazione tra enti pubblici e istituzioni finanziarie private con Cassa Depositi e Prestiti, SACE Simest (nell'ambito della 'Garanzia Verde'), BPER Banca e Banca Popolare di Sondrio. Inoltre, poiché il progetto sta contribuendo alla decarbonizzazione del trasporto marittimo attraverso l'implementazione di soluzioni di bunkeraggio di GNL nel Mar Mediterraneo, ha ricevuto un finanziamento dall'Unione europea nell'ambito del programma Connecting Europe Facility, con Cassa Depositi e Prestiti in qualità di partner esecutivo.