|
Porto di Napoli
16 ottobre 2018, Aggiornato alle 19,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Infrastrutture - Logistica

Taranto, Yilport: "Con noi 4 milioni di teu l'anno"

Il gruppo turco si impegna a raddoppiare la capacità del terminal pugliese in dieci anni


Il porto di Taranto, che dal 2015 non movimenta container dopo l'addio dell'ultimo armatore che vi operava, Evergreen, potrebbe non solo ritornare a movimentarli ma addirittura a raddoppiarne la capacità. Ne è convinta Yilport Holding, società terminalistica turca che all'inizio di luglio ha notificato all'Autorità di sistema portuale dello Ionio una domanda di concessione a cui è seguita pochi giorni fa la risposta positiva dell'authority.

Taranto potrebbe essere il 21esimo porto gestito da Yilport, il primo in Italia. Il Taranto Container Terminal ha una capacità di 2 milioni di teu con pescaggi di 16,5 metri: Yilport si impegna a movimentarne 4 milioni l'anno nel giro di dieci anni, considerando gli investimenti necessari in «tecnologia, infrastrutture ed equipaggiamento».

Robert Yuksel Yildrim, presidente di Yilport Holding, si è detto intenzionato ad incontrare autorità, sindacati, compagnie, esportatori, in generale gli opeatori del porto di Taranto, smostrando intenzioni di business e visione dietro la concessione. «Crediamo che il Taranto Container Terminal diventerà uno dei migliori d'Italia dal 2025», afferma Yildrim. 

2025 è anche il piano della società per rientrare tra i primi dieci terminalisti al mondo (attualmente è 13esima). Yilport ha sede a Istanbul, è attiva in 8 Paesi con 20 porti e 6 retroporti.