|
adsp napoli 1
24 giugno 2024, Aggiornato alle 19,40
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Politiche marittime

Sistema AIS mediterraneo, si lavora all'inclusione dei Paesi extra Ue

Riunione al comando generale delle Capitanerie per fare il punto, senza concreti passi avanti al momento


Non ci sono concreti passi avanti nell'inclusione dei Paesi extra europei nel Mediterranean Ais regional exchange system, il sistema regionale mediterraneo dell'Automatic Information System, o AIS, il sistema satelitare internazionale standardizzato che consente di seguire e controllare le navi mercantili nei loro viaggi in tutto il mondo (molto utile e sicuro, per esempio, per le manovre di accesso e uscita da un porto). Negli ultimi giorni a Roma, presso il comando delle Capitanerie, gli esperti regionali si sono riuniti per analizzare la questione, senza però arrivare ancora ha una decisione definitiva.

Attualmente i Paesi extra Ue sono ovviamente coinvolti nel protocollo mediterraneo dell'AIS – altrimenti l'AIS internazionale non potrebbe funzionare – ma solo in forme collaborative e potendo condividere solo parte delle informazioni nautiche di viaggio, quelle necessarie al funzionamento dell'AIS. 

In una nota gli esperti del Mediterranean Ais regional exchange system affermano che «l'incontro ha permesso di definire ulteriori implementazioni di carattere tecnico amministrativo che consentano il consolidamento e il miglioramento delle procedure di condivisione delle informazioni inviate dalle navi tramite la piattaforma e di fare il primo passo per concretizzare l'accesso dei Paesi extra Ue che già operano in una fase di cooperazione».

Al Mediterranean Ais regional exchange system partecipano Italia, Spagna, Portogallo, Francia, Malta, Slovenia, Croazia, Grecia, Cipro, Romania, Bulgaria. Vi collaborano gli Stati extra europei Montenegro, Ucraina, Georgia, Giordania, Tunisia, Gibilterra e Marocco. Alla riunione di Roma c'era anche i rappresentanti di Albania, Bosnia Erzegovina, Turchia, Egitto, Libano, Palestina, Israele e Moldavia in qualità di potenziali aderenti alla piattaforma.

Tag: digitale