|
napoli
22 febbraio 2019, Aggiornato alle 16,38
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat
Politiche marittime

Sicurezza, gli ispettori Ue visitano il porto di Napoli: promosso

Visita di sei delegati della Commissione europea a tre impianti e quattro navi

Il porto di Napoli

Il porto di Napoli è sicuro e lavora bene sulla sicurezza, parola della Commissione europea che venerdì ha concluso un'ispezione di security, utile a monitorare l'applicazione delle norme in materia (ai sensi del regolamento 725/2004 e della direttiva 2005/65/EC). Per la precisione, sono stati visitati tre impianti portuali e quattro navi, una extracomunitaria, una comunitaria e due italiane. L'obiettivo della visita rientra in un programma di armonizzazione delle regole europee sulla sicurezza portuale, delle navi e delle strutture, seguendo le direttive e le convenzioni dell'organismo Onu che legifera in materia, l'International Maritime Organization.

«La comunità portuale napoletana ha dato testimonianza di un positivo lavoro di squadra, orchestrato con maestria dalla Guardia Costiera. Esistono come sempre margini di miglioramento, che richiederanno l'impegno da parte di tutti. Ma, da questa visita ispettiva della Commissione duropea, la competitività del porto di Napoli esce rafforzata», riferisce il presidente dell'Autorità di sistema portuale del Tirreno centrale, Pietro Spirito.

L'esito è stato «estremamente positivo», rende noto la Capitaneria di porto, autorità competente in materia e guidata in questa missione dal contrammiraglio Luigi Giardino, Capo del 6° Reparto – Sicurezza della Navigazione. È stata sottolineata, rileva la Capitaneria, «la capacità di tutte le amministrazioni coinvolte di saper operare in perfetta sintonia, ognuno secondo le proprie prerogative e professionalità acquisite».

La missione della Commissione europea, formata da sei ispettori, è inizia martedì scorso, con un vertice insieme al direttore marittimo della Campania e comandante del porto di Napoli, Contrammiraglio Pietro Giuseppe Vella, il questore di Napoli, Antonio De Iesu, il presidente Pietro Spirito e ad alcuni rappresentanti delle amministrazioni locali.

Tag: napoli