|
napoli 2
23 ottobre 2019, Aggiornato alle 17,06
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Logistica

Shenzhen, 6 milioni di fatture blockchain in un anno

L'ufficio delle imposte della città portuale cinese affida sempre più servizi al sistema di cripitazione digitale più sicuro al mondo

La città di Shenzhen (Airbus)

A un anno dalla prima emissione, la città portuale di Shenzhen ha fatturato circa 6 milioni di fatture in forma di "blockchain", il sistema di criptazione digitale più sofisticato e sicuro al mondo.

Lo ha calcolato l'ufficio delle imposte della città portuale sub-provinciale della Cina (gode di una certa autonomia amministrativa, simile ad Hong Kong), tracciando le dichiarazioni di 5,300 aziende. Mediamente a Shenzhen vengono emesse ogni giorno circa 44 mila fatture in  blockchain, nella forma di un registro digitale a prova di frode, pari a un valore nominale di 554 milioni di dollari, coprendo 113 transazioni.

La blockchain, il sistema alla base delle monete virtuali come i Bitcoin, è destinata ad essere usata sempre di più. Non serve solo a gestire una valuta virtuale, anzi, questo non è che il suo aspetto più appariscente. In realtà, trattandosi di un registro digitale composto di blocchi immodificabili (la singola transazione, da cui si dipana una "catena-di-blocchi"), è sempre più impiegato da ristoranti, banche e supermercati per processare e certificare in sicurezza ogni tipo di transazione. Attività finanziaria, vendita al dettaglio, catering e ospitalità sono alcuni dei servizi che a Shenzhen vengono sempre più "blockchainati".

-
credito immagine in alto